Amministrative a Cisterna: appello del candidato consigliere a sostegno di Merolla. Carlo Cavazzina: “Una città migliore per tutti”

Condividi

Dopo la prima esperienza come consigliere comunale, eletto nelle liste a sostegno dell’indimenticato sindaco Mauro Carturan scomparso prematuramente, Carlo Cavazzina si rimette in gioco con lo stesso entusiasmo e la stessa passione per sostenere il candidato a sindaco Merolla, ma soprattutto per dare alla collettività un contributo importante al miglioramento di una città che appare ancora un cantiere incompiuto. 

NARDONE

Per la città di cui tutto abbiamo bisogno e a cui tutti abbiamo diritto: non a caso – spiega Carlo Cavazzina – abbiamo scelto questo titolo al nostro programma per dare un nuovo impulso a tutta la nostra amata città. Il nostro impegno sarà innanzitutto quello di assicurare vicinanza alle famiglie, agli anziani e ai giovani per restituire alla nostra città il ruolo che le compete, cercando con tutti i nostri sforzi di dare risposte e soluzioni immediate ai problemi della collettività. Il valore autentico della politica deve essere essenzialmente un servizio efficiente e costante per tutta la società. La città deve essere crocevia di iniziative e progetti oltre che il motore di uno sviluppo sostenibile e integrale. Per fare questo occorre essere a disposizione dei cittadini, ascoltare le loro istanze e le loro richieste: una città con meno disagi sociali sarà sempre una città migliore migliore per tutti”.

 Tra i suoi obiettivi quello di sollecitare la riqualificazione dell’hub che ospita la stazione ferroviaria, posizionata strategicamente in piazza Salvo D’Acquisto a due passi dal centro: 

Dalla mia diretta e quotidiana esperienza nella stazione di Cisterna – conferma Cavazzina – vi dico che ogni scalo ferroviario è sempre una sorta di primo biglietto da visita di ogni viaggiatore che arriva, è una delle porte di accesso della città: con interventi strutturali mirati sarà possibile migliorare l’immagine di Cisterna. Occorre potenziare sia l’accessibilità e sia l’efficienza di tutta l’area ferroviaria, dai servizi igienici alla pavimentazione, dal numero di parcheggi, assolutamente insufficiente per il volume giornaliero dei viaggiatori, fino alla creazione di coperture che agevolino sia la permanenza e sia l”uscita dal treno dei passeggeri fino al pullman in caso di maltempo. La stazione ferroviaria non deve essere solamente un luogo di passaggio ma anche un centro di aggregazione, grazie magari anche ad iniziative e ed eventi che potranno essere proposti e realizzati nell’area”.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]