Alzati in Campania gli standard di sicurezza nel trasporto pubblico

Condividi

Rinnovato l’accordo tra prefetture, regione e Forze di polizia

Migliorare gli standard di sicurezza sui mezzi pubblici a favore dei viaggiatori, del personale in servizio e contro la vandalizzazione dei mezzi di trasporto. Questo l’obiettivo del Protocollo rinnovato oggi nella sede della regione Campania tra il prefetto di Napoli Marco Valentini, il presidente della regione Campania Vincenzo De Luca, i prefetti e i questori della Campania, il comandante della Legione Carabinieri Campania, il comandante regionale della Guardia di Finanza e il provveditore dell’Amministrazione penitenziaria della Campania.

NARDONE

Il protocollo promuove la collaborazione tra il personale di bordo e le Forze di polizia, i cui appartenenti hanno diritto alla circolazione gratuita sui servizi di trasporto pubblico locale nel territorio regionale, per fornire assistenza e intervento nel caso di commissione di reati o di esigenze di ordine pubblico.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]