Al via il nuovo corso ITS per Innovation Leather Manager

Condividi

Ecco come si qualificano davvero giovani e lavoratori 

“Formare i giovani, garantire percorsi per personale altamente qualificato”. Così Edoardo Imperiale, direttore generale della SSIP, sull’iniziativa per gli ‘Innovation Leather Manager’, ossia i giovani selezionati per il corso di “Tecnico superiore per il coordinamento dei processi di qualità, sostenibilità e innovazione tecnologica nella filiera dei prodotti in pelle”.

NARDONE

Promosso dalla Fondazione ITS MIA Moda Campania, il corso è stato presentato presso la sede di Pozzuoli della Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli e delle Materie Concianti.

“E’ un percorso articolato e complesso. Per questo motivo, noi saremo sempre vicini ai corsisti per fornire loro supporto. E’ – ha aggiunto imperiale – necessario che tutte le persone coinvolte nel corso guardino al futuro, dell’industria conciaria ma non solo. Chi frequenterà questo biennio si troverà in un contesto di eccellenza, a contatto con aziende importanti ma anche con una ricerca sempre più avanzata, tra digitalizzazione e innovazione”.

Il corso, di 1800 ore in 2 anni, è finalizzato a formare la figura dell’Innovation Leather Manager per la ricerca e lo sviluppo di prodotti e processi sostenibili nella filiera dei prodotti in pelle con un approccio di filiera attento anche agli aspetti del recupero, dell’up-cycling, della nobilitazione.

Ad accogliere i giovani nella giornata inaugurale, con direttore generale della Stazione Sperimentale, Edoardo Imperiale, il presidente della Camera di Commercio di Napoli Ciro Fiola, il presidente della Fondazione MIA Carlo Palmieri e Giovanna Scala, dirigente scolastica dell’Istituto Isabella d’Este Caracciolo di Napoli.

Ciro Fiola, fra i protagonisti della giornata, ha evidenziando quanto “L’alta formazione sta diventando sempre più centrale anche nel settore conciario ed in generale, è fondamentale per inserirsi con successo nel mondo del lavoro”. 

Per Carlo Palmieri “è una occasione da non perdere, siamo nel posto giusto al momento giusto. Le nostre attività sono dedicate al futuro dei giovani, appunto per aiutarli a fare delle loro risorse un asset fondamentale per le aziende”.  

Ecco come si qualificano davvero giovani e lavoratori 1“I ragazzi hanno accettato una sfida” ha spiegato la dirigente Scala che ha  portato anche un saluto dell’assessore all’Istruzione del Comune di Napoli Maria Filippone. “Sebbene in Campania – ha proseguito – siamo in ritardo rispetto ad altre Regioni, questa rimane una occasione molto importante per consentire ai nostri corsisti di acquisire alte competenze, anche perché le opportunità di lavoro non mancano. Inoltre, siamo in rete anche con vari ITS presenti sul territorio italiano, perché il confronto con altre realtà è molto importante. Oltre ad augurare il meglio ai corsisti, li invito a seguire il corso con serietà e continuità, proprio per far fruttare al massimo questa esperienza”. Un in bocca al lupo ai giovani che intraprendono questo nuovo percorso è arrivato anche dall’assessore alla Formazione della Regione Campania, Armida Filippelli.

“Anche se purtroppo non sono potuta intervenire fisicamente – ha sottolineato in un messaggio – perché la Giunta mi ha trattenuto, si tratta di un percorso che ha tutto il mio sostegno e su cui Italia e Regione investiranno le migliori risorse, con ausilio di università aziende e formazione professionale per dare alle giovani promesse un futuro di competenze per una grande ripresa che parta dal Sud. A tutti faccio un grande in bocca al lupo e auguro buon lavoro”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]