Al Trianon Viviani, da giovedì 15 a domenica 18 dicembre, le ultime repliche di “Spacciatore. Una sceneggiata”

Condividi

di Antonio Troiano.

Prodotto dal teatro di Napoli – teatro Nazionale e diretto da Pierpaolo Sepe, lo spettacolo è una rivisitazione moderna della sceneggiata ed è inserito in “Ac-conciati per le feste!”, la programmazione del periodo natalizio, curata dal direttore artistico Marisa Laurito, che mira a un pubblico eterogeneo.

Spacciatore racconta uno spaccato della nostra città, utilizzando la forma classica della sceneggiata. Protagonista è uno spacciatore dei nostri giorni, un personaggio reale che nasconde le ambiguità̀ e le problematiche dell’oggi. Un giovane uomo che non è né stucchevolmente buono, né antropologicamente cattivo.

Lo spacciatore dovrà̀ confrontarsi con una famiglia onesta, in cui lui è il primo a delinquere. Ci sarà̀ una fidanzata non indifferente ai facili guadagni e un poliziotto apparentemente senza scrupoli, ma a sua volta padre di famiglia. «Questo progetto nasce dall’urgenza di riavvicinarci al pubblico, di sollecitare interesse e curiosità̀ anche in chi è lontano dalle poltrone di un teatro da tempo – spiega Sepe –: è indispensabile, oggi più̀ che mai, riempire i teatri di tutti i tessuti sociali e ricostruire tutti insieme il senso, da tempo smarrito, della funzione degli artisti e del pubblico». Per il regista la sceneggiata è quindi un «punto di incontro, una possibilità̀ reale di raccontare il nostro tempo con la lingua di chi lo abita e lo determina», perché́ «vive di una dimensione popolare e di un linguaggio tale da poter coinvolgere anche angoli di una comunità distanti dalle colpevoli traiettorie artistiche, non sempre accorte al dialogo diretto con il mondo cui appartengono».

La drammaturgia di Spacciatore. Una sceneggiata è firmata da Andrej Longo e vede in scena Vincenzo Antonucci, Ivan Castiglione, Riccardo Ciccarelli, Giulia D’Aloia, Roberto Del Gaudio, Daniela Ioia, Stefano Miglio. Le musiche e le canzoni sono di Francesco Forni, le scene di Francesco Ghisu, le luci di Luigi Biondi e i costumi di Gianluca Falaschi. L’aiuto regia è Valia La Rocca, l’assistente scene Christina Psoni, l’assistente costumi Anna Missaglia. Le foto di scena sono di Guido Mencari.

Lo spettacolo è in scena da giovedì 15 a sabato 17 dicembre, alle 21, e domenica 18 dicembre, alle 18.

Proprio con Spacciatore è stata avviata la collaborazione tra il teatro di Napoli – teatro Nazionale e il Trianon Viviani – teatro della Canzone napoletana.

I due teatri di natura pubblica hanno lanciato “A teatro – andata e ritorno”, un’originale iniziativa dedicata agli spettatori delle due strutture con la quale, nel mese di dicembre, il pubblico di un teatro potrà acquistare il biglietto di uno spettacolo dell’altro teatro allo speciale prezzo promozionale di 15 euro.

Biglietto scontato quindi per il pubblico del Trianon Viviani per assistere in questo mese a “Scalo marittimo”, di Raffaele Viviani, per la regia di Giuseppe Miale di Mauro, in scena da lunedì 26 dicembre a domenica 8 gennaio 2023.

Stessa promozione per gli spettatori del Nazionale per fruire degli spettacoli di dicembre del Trianon Viviani: “Spacciatore. Una sceneggiata”, appunto, e “Canzona ‘e… Guapparia”, commedia con musiche di Raffaele Esposito e Bruno Garofalo, con arrangiamenti e musiche originali di Pino Perris, per la regia di Bruno Garofalo, in scena da giovedì 22 a venerdì 30 dicembre.

La promozione è valida solo presso i botteghini dei due teatri, mostrando il titolo di acquisto, cioè l’abbonamento o il biglietto di uno spettacolo della stagione in corso.

Biglietti e abbonamenti – I biglietti sono acquistabili presso il botteghino del teatro, le prevendite autorizzate e online sul circuito https://azzurroservice.net/

Il botteghino è aperto dal lunedì al sabato, dalle 10 alle 13:30 e dalle 16 alle 19; la domenica, dalle 10 alle 13:30. Telefono 081 0128663.

Antonio Troiano

Antonio Troiano nasce a Benevento il 06.10.1994. E di lì in poi si dedica voracemente alle sue passioni: il teatro, la musica, la politica, il cinema,la letteratura. Questo gli permette di sviluppare diversi punti di vista sul mondo. Nel 2015 fonda una compagnia teatrale. Mette in scena spettacoli, partecipa ad incontri, laboratori, dibattiti sul ruolo del teatro. Nel 2018 si laurea in psicologia con una tesi su Eugenio Barba e il baratto culturale. Nel 2020 è eletto consigliere comunale con delega alla cultura e allo spettacolo. Dal 2021 gestisce un proprio spazio di formazione artistica musicale e teatrale. E ha ancora tanti progetti in cantiere.