Al Festival del Cinema di Salerno per raccontare la Rivincita dello Stato con il capitano Ultimo

Condividi

“Diffondere messaggi di legalità attraverso gli esempi positivi dei personaggi delle fiction e dei film. Lo abbiamo fatto a Salerno con uno degli esempi positivi della vita reale per eccellenza: il Colonello Sergio De Caprio, meglio noto come Capitano Ultimo”. Così Gianpiero Zinzi al Festival Internazionale del cinema di Salerno. Il presidente della Commissione Anticamorra e Beni Confiscati della Campania ha partecipato al pomeriggio di riflessione promosso da ‘Il Pezzo Impertinente’, con il direttore Gaetano Amatruda, e dall’Associazione ‘Bys- By your Side’, dell’avvocato Donato D’Aiuto. 

NARDONE

Ha rilanciato Carmine Mocerino, da Presidente della Commissione fra i primi ad impegnarsi sul tema. “Ho sempre affermato che sostenere e raccontare la ‘Rivincita dello Stato’ contro la criminalità organizzata sarebbe stato un impegno che avrei continuato a condurre, aldilà dei ruoli e delle funzioni. Con questo spirito – ha sottolineato il consigliere regionale – ho incontrato a Salerno, in occasione del Festival internazionale del Cinema, il Capitano Ultimo. Un eroe, un uomo dell’Arma che ha testimoniato con fatti concreti la presenza e la forza dello Stato. È stato un utile confronto per collaborare insieme nel segno del medesimo intento”.

Mocerino Ultimo CrespiAll’incontro, che è stato introdotto dal direttore del Festival Paola De Cesare, il regista Ambrogio Crespi che ripercorso i suoi lavori. “Bisogna raccontare le storie, l’impegno dello Stato, ai ragazzi vanno raccontati esempi, quelli positivi” ha detto il regista che ha vinto, negli anni, diversi premi per il suo impegno.

Ha chiuso i lavori il Capitano Ultimo. “Gli eroi sono i cittadini sconosciuti che fanno il loro dovere, i padri, i lavoratori onesti, chi si dedica agli altri. La legalità e’ donarsi. E tutto va raccontato”.

All fine dei lavori, e prima della proiezione del Docufilm ‘Usura’ di Vincenzo Procida, è stata consegnato una targa al Capitano Ultimo ‘esempio di coraggio e legalità per i giovani”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]