Adozioni gay, ecco cosa dice la scienza

Condividi

di Daniela Portella.

Sono favorevole ai matrimoni gay, ma i figli non si toccano!
Questa è una delle tipiche considerazioni popolari sul tema delle adozioni gay. Congetture rispettabili, ma infondate, stando agli studi recenti e ai casi empirici raccolti da analisti, psichiatri e psicologi di tutto il mondo.
Rispetto ai figli inseriti in nuclei familiari omoparentali la scienza chiarisce che non ci sono rischi .
È UTILE RIBADIRE CHE, PER I BAMBINI E LE BAMBINE CHE VIVONO IN NUCLEI OMOGENITORIALI, SONO LA STIGMATIZZAZIONE, IL PREGIUDIZIO E LA DISCRIMINAZIONE A ESERCITARE UN’INFLUENZA FORTEMENTE NEGATIVA.
Il problema è lo stigma ed il contesto sociale. Il fatto è che gli adolescenti sviluppano problemi non a causa della tipologia di famiglia in cui sono cresciuti e cresciute, ma per via della stigmatizzazione sociale della loro condizione. Il problema, dunque, è la considerazione che si ha delle famiglie cosiddette “normali”, rispetto alle altre.
sviluppo dei figli nelle famiglie gay. Su 77 casi studiati, ben 73 hanno concluso che i figli di coppie omosessuali non si sviluppano in maniera diversa dai bambini cresciuti in famiglie eterosessuali. I rimanenti 4 casi riguardano famiglie con bambini e genitori separati, quindi non Dai risultati, emerge che sarebbe la condizione socio-economica a incidere sui risultati scolastici. La resa scolastica dei bambini cresciuti in una famiglia (comprese quelle omogenitoriali) è più alta rispetto a quella dei bambini che vivono negli orfanotrofi.
Già, gli orfanotrofi. Questo è il vero punto: ci sono bambini che una famiglia non possono neppure sognarla. Il focus della discussione andrebbe spostato su questo problema: i figli che un genitore neppure ce l’hanno.
Di adozioni gay si è tornato a parlare solo recentemente, perché la questione è pressoché scomparsa dall’agenda politica (come il Ddl Zan). Questa volta è stata l’attivista Vladimir Luxuria a sollevare il dibattito a margine del fresco matrimonio (unione civile) tra la cantautrice Paola Turci e Francesca Pascale. “Spero diventino mamme. Da quel sorriso tra loro – ha dichiarato Luxuria – ho capito che era amore”.
Come darle torto: è l’amore che crea una famiglia

Daniela Portella

Avvocato civilista da circa 25 anni , cattolica , due figli, oltre al territorio partenopeo ha lavorato nel nord est in particolare Udine e Trieste ove ha riscosso molto successo tra gli imprenditori e salvando molti imprenditori che erano coinvolti con contratti usurari di banche senza scrupoli . Impegnata anche in politica ha ricoperto la carica di assessore all’ecologia , sport e verde pubblico nel comune di Cardito .Da sempre a fianco delle donne contro ogni forma di violenza sulle donne ha organizzato corsi di autodifesa dedicati alle donne ‘ giù le mani ‘ che hanno riscosso molto successo