Action day Terra dei fuochi, ad Afragola sequestrata attività illecita di rimessaggio e manutenzione camper e barche

Condividi

Gli agenti della Polizia Metropolitana di Napoli, con il supporto dell’Esercito, hanno proceduto al sequestro di un’area di 17mila metri quadrati, in Contrada Regina, sotto i piloni dell’asse mediano sulla quale erano depositati circa 700 tra camper e natanti oggetto di attività di rimessaggio e manutenzione con lavorazioni di carrozzeria, officina meccanica, lavaggio e falegnameria svolta senza alcuna autorizzazione. Denunciato all’Autorità Giudiziaria il legale rappresentante.

Sequestrata ad Afragola un’attività di rimessaggio che effettuava anche lavori di carrozzeria, officina meccanica, lavaggio e falegnameria senza alcuna autorizzazione. La Polizia metropolitana di Napoli, con il supporto dell’Esercito, ha sequestrato quest’oggi, infatti, un’area di 17mila metri quadrati, in Contrada Regina, sotto i piloni dell’asse mediano sulla quale erano depositati circa 700 tra camper e natanti oggetto di attività di rimessaggio e manutenzione con lavorazioni di carrozzeria, officina meccanica, lavaggio e di falegnameria in maniera abusiva e senza alcuna autorizzazione, in particolare di carattere ambientale.

Gli automezzi e i natanti erano collocati in box o sotto strutture di lamiera realizzate in regime di totale abuso edilizio. L’attività – che prevedeva la produzione di scarichi in acqua e di emissioni in atmosfera, in particolare quella relativa alla verniciatura, alla manutenzione meccanica e al lavaggio dei mezzi – veniva esercitata in parte su aree asfaltate e in parte direttamente sul terreno, in completa mancanza di autorizzazione unica ambientale.

Il sequestro dell’area – effettuato dagli agenti del Corpo di Polizia della Città Metropolitana di Napoli coordinati dal Comandante Lucia Rea – ha fatto scattare la denuncia all’Autorità Giudiziaria del legale rappresentante per reati ambientali. Al vaglio delle forze dell’ordine anche l’applicazione di sanzioni amministrative per circa 9.000 euro. Sull’operazione sta procedendo la Procura di Napoli Nord.

Le divise impegnate nell’attività di controllo stanno in queste ore, altresì, accertando le responsabilità di tutti gli Enti eventualmente coinvolti.

L’operazione è stata realizzata nell’ambito del programma di ‘Action day Terra dei fuochi’ disposto dalla cabina di regia coordinata dalla Prefettura di Napoli.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]