“Acque per la Reggia”: altro successo per il secondo seminario della Pro Loco di Caserta

Condividi

Il terzo appuntamento atteso per fine Aprile

Anche il secondo incontro di venerdì scorso, 8 aprile, e precisamente il seminario “Acque per la Reggia”, ha avuto luogo presso la “Sala Reggia” del Reparto Attività Territoriali di Caserta (ex Distretto Militare), riscuotendo notevole interesse e vasto consenso tra il pubblico presente.

Il seminario, organizzato dalla Pro Loco Città di Caserta APS, ha seguito, nell’ambito del trittico di incontri dedicati all’esame degli aspetti storici della Provincia di Terra di Lavoro, il precedente “Topografia e toponomastica della Provincia di Terra di Lavoro”.

L’evento organizzato con la supervisione dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” – Dipartimento di Lettere e Beni Culturali ha visto la collaborazione anche delle Associazioni “Costumi della Campania Antica” e “Dagal Social APS”.

I relatori che si sono alternati nell’occasione sono stati: la prof.ssa Simonetta Conti (già docente di Geografia presso il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università “ Luigi Vanvitelli” e di geografia storica presso il Dipartimento di Geografia Umana dell’Università degli Studi “La Sapienza” di Roma), il prof. Giuseppe Pignatelli Spinazzola docente di storia dell’architettura presso il DiLBEC dell’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” e l’Ing. Francesco Ocarino (docente presso l’I.T.I.S. “Francesco Giordani” di Caserta). Ha moderato l’incontro il prof. Luigi Granatello (presidente della Pro Loco “Michele Santoro” di Casagiove).

La prof.ssa Conti, che ha aperto i lavori, ha presentato la Relazione dal titolo “Il problema delle bonifiche nel pensiero di Carlo Afan de Rivera”, A seguire il prof. Pignatelli Spinazzola ha illustrato la relazione dal titolo “L’acquedotto Carolino. Una storia per immagini”. Infine l’ing. Ocarino ha esposto la relazione, accompagnandola con l’esposizione di una selezione di tavole illustrative, dal titolo “Acquedotto Carolino: dalle sorgenti del Fizzo alla cascata del parco della Reggia., dei lavori
Tra il pubblico, peraltro qualificato e numeroso, va segnalata la presenza di ex Comandanti del Distretto Militare, di rappresentanti delle Istituzioni Locali civili e militari, della Presidente del Distretto Turistico “Appia Antica” arch. Margherita Iodice, del prof. Domenico Proietti (docente di linguistica presso il Dipartimento di Lettere e Beni Culturali dell’Università “ Luigi Vanvitelli”), di rappresentanti del mondo associativo casertano e delle città viciniori e, infine, di alcuni Presidenti delle Pro Loco delle province di Caserta e Napoli.
Il Presidente della Pro Loco Città di Caserta, Gen. Giuseppe Ianniello, ha introdotto i lavori rivolgendo un indirizzo di saluto ai presenti, ringraziando, in particolar modo, i relatori ed il moderatore per la loro grande disponibilità. Ha rivolto, ancora una volta, un particolare ringraziamento al padrone di casa, Ten. Col. Antonio Saracco per la squisita ospitalità.
Ianniello, poi, al termine dell’incontro, dopo aver lasciato spazio alle domande dal pubblico, ha omaggiato, a nome della Pro Loco, i conferenzieri ed il moderatore di un libro dal titolo “Raccolta di cartoline antiche della Città di Caserta” oltre che una composizione floreale per la prof.ssa Conti. Un sobrio rinfresco organizzato presso il Circolo del Reparto ha concluso con una nota di allegra convivialità l’avvincente e plaudito seminario.
Si attende, ora, il prossimo e conclusivo appuntamento del ciclo di seminari sugli aspetti storici della Provincia di Terra di Lavoro dal titolo: “I villaggi dell’industria. Sulle orme della colonia serica di San Leucio” che si terrà, nella medesima “location” il prossimo 29 aprile alle ore 17:00. Tra i relatori vi saranno Giovanni Mauro, Bruno Saviani e Claudia De Biase. A moderare l’incontro Marilù Misto, giornalista de “Il Mattino”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]