Acqua minerale al sole, condannato l’esercente

Condividi

Si tratta di un illecito di pericolo perché vi è il rischio di alterazione per i contenitori Pet

Un’ottima notizia per i consumatori e una negativa per quegli esercenti che sono abituati a stoccare le casse di bottiglie d’acqua minerale alla luce del sole e senza alcuna protezione.

Per la Cassazione penale, infatti, con la sentenza 39037/18, pubblicata il 28 agosto, dev’essere condannato penalmente l’esercente che tiene le confezioni di acqua minerale esposte in questo modo: la contravvenzione di cui all’art. 5, lett. b) L. n. 283 del 1962 che riguarda la detenzione per la vendita di prodotti destinati all’alimentazione in cattivo stato di conservazione è un reato di pericolo presunto con anticipazione della soglia di punibilità per la rilevanza del bene protetto, la salute, sicché il reato sì concretizza anche senza effettivo accertamento del danno al bene protetto.

A segnarlo Giovanni D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti, che ribadisce come “la decisione segni un punto in favore dei consumatori nella tutela della propria salute e un monito per tutti quei commercianti che continuano a perpetuare una prassi che non favorisce la conservazione corretta di un prodotto fondamentale per la vita come l’acqua“.

ir?t=gianbolab 21&l=alb&o=29&a=B01K1TJTWEir?t=gianbolab 21&l=alb&o=29&a=B078W7LD47ir?t=gianbolab 21&l=alb&o=29&a=B009KKGSJSir?t=gianbolab 21&l=alb&o=29&a=B072DTKSVHir?t=gianbolab 21&l=alb&o=29&a=B00GAY3YDUir?t=gianbolab 21&l=alb&o=29&a=B00UXNOUB4ir?t=gianbolab 21&l=alb&o=29&a=B071D58ZY5ir?t=gianbolab 21&l=alb&o=29&a=B000RVYIBOir?t=gianbolab 21&l=alb&o=29&a=B075F8BZMK

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]