A Salerno la mostra “Fanaa – Fiori africani non ancora appassiti”

Condividi

L’esposizione si terrà a Palazzo Genovese (Largo Sedile del Campo) dal 27 gennaio al 5 febbraio 2018

Venerdì 26 gennaio alle ore 11, nella Sala del Gonfalone a Palazzo di Città, si terrà la conferenza stampa di presentazione della mostra fotografica di Davide Caravano, “Fanaa – Fiori africani non ancora appassiti”.

All’incontro con la stampa parteciperanno: l’assessore alle Pari Opportunità del Comune di Salerno Gaetana Falcone, il presidente dell’associazione “Amadeus Musica e Arte” Elio Caravano e i componenti della GM Produzioni Davide Caravano, Davide Giudice, Giuseppe Marzullo. 

Davide Caravano torna dall’Africa congolese per raccontare una realtà lontana, fatta di povertà assoluta, paesaggi puri e incontaminati e sguardi malinconici. Il fotografo salernitano indirizza il suo sguardo sui bambini, gia consumati dalla miseria, i conflitti a fuoco e le tante difficoltà che si trovano a vivere. 

L’esposizione si terrà a Palazzo Genovese (Largo Sedile del Campo) dal 27 gennaio al 5 febbraio 2018.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]