A Napoli mostra “Kokocinski” tra vita e opere

Condividi

NARDONE

Napoli, 6 apr. – “Napoli è un’emozione, è unica nel mondo ed è internazionale. Tutte le strade portano a Napoli e non a caso io sono qui”. Con queste parole il maestro Alessandro Kokocinski sintetizza il motivo per il quale la città partenopea sia stata scelta per ospitare la sua mostra “Kokocinski. La vita e la maschera: da Pulcinella al Clown”. Un’esposizione di oltre 70 opere, promossa e realizzata dalla Fondazione Terzo Pilastro-Italia e Mediterraneo, con la collaborazione tecnica di Civita, che sarà aperta al pubblico dal 7 aprile al 5 giugno. Nelle sale del museo archeologico nazionale è stata sistemata la collezione di dipinti, sculture, altorilievi, installazioni, disegni, filmati, versi poetici e libri d’artista ispirata alla metamorfosi della maschera che l’artista definisce “mediatrice fra noi e il vuoto insondabile celato”, la cui iconografia accompagna da sempre la storia e la storia dell’arte fra mito, finzione e realtà. “La maschera è stata inseparabile dalla vita dell’uomo – ha spiegato Kokocinski – Oggi, purtroppo, è caduta in disuso e sono soprattutto i politici a indossare un sorriso di plastica, omogeneo a tutte le latitudini del mondo, che trasmette una grande bugia. Non hanno più l’accortezza di indossare la maschera, ma la maschera è il loro volto”.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]