9° Stormo “F.Baracca”: il simulacro della Madonna di Loreto torna a casa

Condividi

L’evento presieduto dal Rev.mo Mons. Antonio COPPOLA Vicario Episcopale dell’Aeronautica Militare per l’Italia ha visto una gremita partecipazione del personale in forza al Reparto.

Grazzanise, 12/10/2022 – Questa mattina presso la Chiesa Aeroportuale Virgo Lauretana del 9° Stormo “Francesco Baracca” in Grazzanise, si è celebrata la Santa Messa Solenne per l’inizio del nuovo anno pastorale con il rito di Benedizione del simulacro della Madonna di Loreto restaurata.

R06L1407
Colonnello Pilota Massimo Luigi VALENTE

La cerimonia religiosa è stata preceduta dall’accoglienza del simulacro della Madonna di Loreto da parte del Comandante di Stormo Colonnello Pilota Massimo Luigi VALENTE accompagnato dal Cappellano Militare Don Alessandro ARNONE. La statua della Madonna è stata lontana dallo Stormo per circa un anno ed è stata riconsegnata al Reparto dopo un accurato restauro a titolo gratuito a cura del Luogotenente in quiescenza Antonio VERARDI in collaborazione con la Carlinga di Stormo.

Alla Santa Messa alla presenza del personale civile e militare e delle famiglie del Villaggio Azzurro, Mons. COPPOLA a nome dell’Arcivescovo Ordinario Militare per l’Italia in modo gradevole, ha indirizzato voti augurali a proseguire il cammino di fede in vero e sincero spirito di comunione fraterna.​

Il legame tra l’Aeronautica Militare e la Madonna di Loreto risale ai primi decenni del XX secolo. Secondo la tradizione, la casa abitata dalla famiglia della Vergine Maria era costituita da una grotta scavata nella roccia e custodita ancora oggi nella Basilica dell’Annunciazione a Nazareth, e da una camera in muratura antistante.

Nel 1291, dopo la caduta del regno dei crociati in Terra Santa, la dimora della Madonna venne traslata prima a Tarsatto in Dalmazia, poi nella selva di Recanati ed infine a Loreto nella notte tra il 9 e il 10 dicembre del 1294.

La leggenda narra che la “Santa Casa”, conservata nella Basilica della Madonna di Loreto, sia stata trasportata per mano degli Angeli. La convinzione di questa prodigiosa traslazione “volante” spinse Papa Benedetto XV a nominare la Virgo Lauretana protettrice dell’aviazione con il decreto del 24 marzo 1920. Il Santo Padre approvò anche la formula di benedizione degli aerei, la cosiddetta “Preghiera dell’aviatore”, che fece inserire nel Rituale Romano.

​Il miracoloso viaggio viene oggi rievocato con la cosiddetta “Festa della Venuta”, una serie di celebrazioni che si tengono ogni 10 dicembre nelle Marche.

Ogni anno i Reparti dell’Aeronautica Militare organizzano iniziative per venerare la Beata Vergine Lauretana.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]