47 unità interforze in azione nella Terra dei fuochi: 600 mq di aree sequestrate

Condividi

Nuovo action day coordinato dalle prefetture di Napoli e Caserta

Una nuova operazione interforze nella Terra dei fuochi ha interessato ieri i territori di Castellammare di Stabia (Na), Succivo (Ce) e Sant’Arpino (Ce). Al centro delle operazioni il contrasto a discariche abusive, smaltimento illecito e roghi di rifiuti industriali, artigianali e commerciali.

In azione 20 equipaggi per un totale di 47 unità interforze che, tra le altre attività, hanno presidiato con posti di blocco mobili le vie di accesso alle località o ai siti in cui abitualmente vengono abbandonati e conferiti in modo illecito i rifiuti sul territorio. Sono stati effettuati controlli su 5 attività imprenditoriali e commerciali (di cui 2 sequestrate), 11 persone identificate (di cui 5 denunciate tra lavoratori irregolari e rei di illeciti ambientali), 3 auto/autocarri controllati (di cui 1 sequestrato), circa 600 mq di aree sequestrate ed oltre 11mila euro di sanzioni comminate.

E’ stato, inoltre, sequestrato un capannone adibito allo smontaggio di autoveicoli rubati ed alla successiva vendita della componentistica. Al suo interno è stato ritrovato anche un apparato di tipo jammer di acquisizione commerciale (disturbatore di frequenze), utilizzato per inibire i sistemi di antifurto GPS.

L’action day è stato coordinato dalle prefetture di Napoli e Caserta, con le due questure e le altre Forze di polizia delle provincie in base alla programmazione definita dall’Incaricato per il contrasto del fenomeno dei roghi nella regione Campania nell’ambito della cabina di regia “Terra dei Fuochi”.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]