Parmitano nello spazio, le sue prime parole: “È fantastico essere qui”

Condividi

Nella notte appena trascorsa la capsula Soyuz si è agganciata al modulo russo Zvezda della Stazione Spaziale.

NARDONE
A bordo ci sono l’italiano Luca Parmitano, dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa), lo statunitense Andrew Morgan e il russo Alexander Skvortsov.

Si è concluso così il viaggio di sei ore cominciato con il lancio della missione Beyond.

Dopo due ore dall’aggancio, Parmitano, insieme ai suoi compagni di equipaggio, è entrato nella SSI e ha incontrato i colleghi Aleksej Ovčinin, Nick Hague e Christina Koch.

Il primo a entrare nella Stazione Spaziale è stato il comandante della Soyuz Skvortsov, dell’agenzia spaziale russa Roscosmos; subito dopo è stata la volta di Morgan, della Nasa e quindi di AstroLuca.

Abbracci e saluti con i colleghi che li aspettavano a bordo.  Adesso tutti insieme costituiscono l’equipaggio a sei della Expedition 60. Immediatamente dopo i saluti dell’equipaggio, è stata la volta del collegamento con famiglia e amici, che avevano seguito le lunghe fasi dell’aggancio e dell’apertura del portello dal grande schermo del Centro di controllo di Mosca.

Per Luca Parmitano, come sempre sorridente anche se un po’ provato dal viaggio, i saluti della moglie Kathryn e delle figlie Sara e Maia, di 12 e nove anni, gli auguri del direttore generale dell’Esa Jan Woerner e quelli dell’Agenzia Spaziale Italiana (Asi).

È fantastico essere qui“, ha detto a tutti Parmitano.

 

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]