38° Anniversario dell’attentato terroristico delle brigate rosse a Salerno

Condividi

La Polizia commemora gli agenti De Marco e Bandiera Vittime del Terrorismo

 

NARDONE

Questa mattina, a Salerno, con inizio alle ore 10.00, in Piazza Vittime del Terrorismo, nel rispetto delle misure di contenimento previste dalla normativa COVID – 19,  alla presenza del Prefetto della Provincia di Salerno, dott. Francesco Russo  e del Questore della Provincia di Salerno, dott. Maurizio Ficarra, si è tenuta una breve cerimonia di  deposizione di tre corone di alloro (una della Polizia di Stato, una dell’Esercito Italiano e una del Comune di Salerno), presso il monumento eretto, per ricordare il barbaro attentato terroristico che provocò, in data 26 agosto 1982, in via Parisi (ora Piazza Vittime del Terrorismo – Quartiere Torrione), la morte dell’Agente della Polizia di Stato Antonio Bandiera, dell’Agente Scelto della Polizia di Stato Mario De Marco e del Caporale dell’Esercito Italiano Antonio Palumbo.

Alla commemorazione, a partecipazione necessariamente limitata in considerazione della contingente  situazione sanitaria a rischio epidemiologico, sono intervenuti il Sindaco del Comune di  Salerno, dr. Vincenzo Napoli, il Ten. Col. Gianpiero D’Urso del reggimento Cavalleggeri Guide 19° di Salerno e rappresentanti dell’Associazione Nazionale della Polizia di Stato.

La breve cerimonia è  proseguita subito dopo con un minuto di raccoglimento    durante il quale la vedova dell’Agente De Marco ha adagiato un fascio di fiori ai piedi del monumento –  e con la benedizione da parte del  Cappellano Provinciale della Polizia di Stato.

La Polizia di Stato, commemorando  il sacrificio dei suoi caduti,  ha inteso conservare  non solo il ricordo delle giovani vite spezzate che appartengono al patrimonio morale del nostro paese, ma soprattutto la speranza di un impegno coerente di tutti per difendere ed affermare la civile convivenza degli uomini ed i valori democratici della libertà e della giustizia.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]