29 arrestati, 206 indagati e oltre 103.000 persone controllate nel weekend

Condividi

Il bilancio dell’ultima settimana della Polizia di Stato sui treni e nelle stazioni ferroviarie.

Controlli intensificati con l’operazione “RAI SAFE DAY” per la prevenzione di comportamenti scorretti in ambito ferroviario.

 

29 arrestati, 206 indagati e 103.299 persone controllate: è questo il bilancio dell’attività, nell’ultima settimana, della Polizia Ferroviaria. 5.128 le pattuglie impegnate in stazione e 838 a bordo di oltre 1.700 treni. 294 i servizi antiborseggio e 297 le sanzioni elevate. 27 i minori non accompagnati rintracciati e riaffidati alle famiglie o alle comunità; 55 i cittadini stranieri sorpresi in posizione irregolare.

NARDONE

Attività intensificata anche grazie all’operazione “Rail Safe Day”, una giornata di controlli straordinari, organizzata lo scorso 22 aprile dalla Polizia Ferroviaria presso 685 località ”sensibili” in tutta Italia, di cui 585 stazioni, per prevenire comportamenti anomali ed impropri in ambito ferroviario che spesso sono causa di incidenti. 37 le sanzioni applicate a chi è stato sorpreso a non rispettare le norme di sicurezza in ambito ferroviario. 1.574 gli operatori della Polfer impegnati.

In particolare, gli agenti della Polizia Ferroviaria di Ventimiglia, durante i consueti controlli nello scalo ferroviario della città confine, hanno arrestato un cittadino algerino che ha fatto rientro in Italia dopo essere stato respinto alla frontiera lo scorso anno con un provvedimento del Questore di Cagliari. Processato per direttissima davanti al Tribunale di Imperia, il Giudice ha condannato lo straniero a 8 mesi di reclusione con la condizionale, concedendo il nulla osta per una nuova espulsione.

Gli agenti della Polizia Ferroviaria di Milano hanno arrestato un cittadino cinese di 53 anni, pluripregiudicato e non in regola sul territorio nazionale, per detenzione di armi e per possesso di sostanze stupefacenti. I poliziotti, durante un servizio a bordo di un treno diretto nella Capitale, pochi minuti dopo la partenza dalla stazione di Milano Porta Garibaldi, hanno identificato all’interno di  una carrozza l’uomo il quale, controllato per il suo evidente nervosismo,  è risultato in possesso di una pistola di piccole dimensioni, una scatola con 100 cartucce caricate a salve, 3 involucri contenenti alcuni grammi di SHABOO e un ulteriore involucro con EROINA. Il cittadino cinese, quindi, è stato fatto scendere allo scalo di Piacenza, prima fermata utile, e identificato grazie alla collaborazione del personale della Questura.

Gli agenti della Polizia Ferroviaria di Pisa hanno arrestato un cittadino italiano di 58 anni, destinatario di un provvedimento di carcerazione, emesso in data 19 marzo 2021 dalla Procura della Repubblica presso il tribunale di Lucca, dovendo espiare la pena di 2 anni e 3 mesi di reclusione per il reato di truffa. Fatti commessi in data 17 marzo 2012 a Pietrasanta (LU).

Gli agenti della Polizia Ferroviaria di Gorizia sono stati allertati per la presenza di un autoveicolo privato che, entrando da uno dei varchi adibiti al transito dei mezzi delle Ferrovie, era caduto da un piano di carico vicino all’ex spogliatoio del personale. Attivati i soccorsi, sul posto sono sopraggiunti il coordinatore delle Volanti della Questura di Gorizia ed una pattuglia della Polizia Stradale, un’ambulanza del 118 ed i mezzi del locale Comando dei Vigili del Fuoco. Alla guida dell’auto, con targa slovena, è stata trovata una donna di 65 anni in stato confusionale,  rimasta comunque incolume nell’incidente. Mentre i Vigili del Fuoco si sono incaricati di porre in sicurezza il veicolo incidentato trasportandolo nel piazzale interno e il personale sanitario portava la donna al Pronto Soccorso, la Polizia di Gorizia è riuscita a rintracciare, grazie alla collaborazione dei colleghi sloveni di Nova Gorica, i parenti dell’infortunata. L’incidente, fortunatamente, si è verificato in una zona non interessata da passaggio treni o movimentazione interna, coinvolgendo un binario in fase di riallestimento e distante dai binari di normale circolazione, evitando conseguenze che avrebbero potuto essere ben più gravi.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]