20 arrestati, 140 indagati e circa 70.000 identificati il bilancio della settimana della Polizia di Stato sui treni e nelle stazioni ferroviarie

Condividi

Controlli intensificati durante l’ultimo weekend prima di Natale.

 

20 arrestati, 140 indagati e 69.575 persone identificate: è questo il bilancio dei controlli nell’ultima settimana della Polizia Ferroviaria. 5.009 le pattuglie impegnate in stazione e 682 a bordo di 1.392 treni. 310 servizi antiborseggio e 152 le sanzioni elevate. 28 i minori non accompagnati rintracciati e riaffidati alle famiglie o alle comunità; 27 i cittadini stranieri sorpresi in posizione irregolare.

Controlli intensificati, per il rispetto delle norme anti Covid, durante il weekend, in previsione di un massiccio esodo di viaggiatori in vista delle festività natalizie. Le operazioni si sono svolte con regolarità e senza rilevare alcuna criticità.

Tra gli arrestati, 3 donne bosniache per tentato furto pluriaggravato, nella stazione di Roma Trastevere. Le tre borseggiatrici, di cui una minore di anni 18, tutte con precedenti per reati contro il patrimonio, intenzionalmente hanno accerchiato un viaggiatore ostacolandone la salita sul treno. E’ stata l’occasione, per una di loro, di infilare la mano nella giacca della vittima tentando di sottrarne il cellulare. Fortunatamente, sia il capotreno, che il viaggiatore si sono accorti del tentativo del furto e, grazie anche all’occhio vigile di una pattuglia della Polfer presente in stazione, le tre sono state bloccate ed arrestate.

Un cittadino magrebino di 27 anni, nella stazione di Milano Centrale, per aver rubato una borsa all’interno di un’auto in sosta di proprietà di una straniera in stato interessante. In particolare, gli agenti, in abiti borghesi, hanno notato, fuori dallo scalo ferroviario, lo straniero aprire la portiera dell’auto, prelevare dall’interno una borsa porta computer e fuggire su uno scooter a tutta velocità. Bloccato dai poliziotti, è stato tratto in arresto, mentre la borsa, contenente la somma di denaro di circa 6.000 euro, due carnet di assegni e un pc portatile, è stata riconsegnata alla vittima, una cittadina cinese.

Nella stazione di Milano Lambrate, la Polizia Ferroviaria ha arrestato un cittadino moldavo di 18 anni e denunciato in stato di libertà i due complici minorenni italiani diciassettenni, per tentata rapina in concorso. I poliziotti sono intervenuti nel piazzale antistante la stazione ferroviaria, a seguito della rapina di uno zaino ai danni di un uomo, colpito con pugni mentre consultava sul tabellone gli orari dei treni. Gli operatori, ricostruita la dinamica degli eventi, hanno accertato che il delitto era stato consumato da 3 ragazzi. Tutti sono stati rintracciati e bloccati nell’immediatezza, mentre tentavano di dileguarsi. L’autore materiale della rapina, maggiorenne, è stato tratto in arresto, mentre i due complici, minorenni, sono stati denunciati in stato di libertà. Tutti sono stati anche sanzionati amministrativamente per violazione delle norme anti covid 19.

Tre gli arrestati in quanto ricercati: una 29enne romena, a Potenza, colpita da un provvedimento di carcerazione per il reato di rapina, ai danni di un anziano, consumata a Foggia nel 2018; un 24enne italiano, nella stazione di Roma Ostiense, destinatario di un mandato di arresto europeo, emesso dalle Autorità tedesche, per reati contro il patrimonio; un 32enne italiano, a Milano, colpito da un provvedimento di esecuzione di pene concorrenti e contestuale ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Lecco, per reati di truffa aggravata, dovendo espiare una pena di oltre 3 anni di carcere.

Tra le storie a lieto fine, quella della “staffetta di solidarietà” del 15 dicembre, che ha visto protagonisti la Polizia Ferroviaria, il personale di Trenitalia e i sanitari del Policlinico Umberto I di Roma, tutti impegnati per far giungere da Parma a Roma, alcune provette contenenti campioni ematici, di una bambina, da sottoporre ad analisi. Le provette, prese in consegna dalla Polfer di Parma, sono giunte integre, a bordo di un treno Freccia, a Roma, dove gli agenti di Termini hanno provveduto a recapitare il delicato plico ai sanitari del Policlinico. La mamma della ragazza, informata del buon esito della staffetta, ha ringraziato tutti coloro che si sono adoperati per consentire alla sua famiglia di trascorrere un Natale un po’ più sereno

In vista delle festività natalizie, tante le iniziative di solidarietà da parte degli operatori della Polizia Ferroviaria. A Palermo, come ogni anno, è stata promossa una raccolta fondi tra i poliziotti  ed il personale civile, al fine di effettuare una generosa spesa consistente in generi di prima necessità come pasta, latte, legumi, zucchero, biscotti, marmellate ecc, che è stata consegnata al parroco della Cattedrale di Palermo, per la successiva distribuzione alle famiglie bisognose del comprensorio cittadino.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]