Varato dal Consiglio dei ministri un decreto-legge per la cessione di unità navali italiane per il contrasto al traffico di esseri umani

Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, del ministro degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale Enzo Moavero Milanesi, del ministro dell’Interno Matteo Salvini, del ministro dell’Economia e delle Finanze Giovanni Tria e del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, ha approvato ieri un decreto-legge che introduce disposizioni urgenti per la cessione, a titolo gratuito, di unità navali da parte del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera italiana e della Guardia di Finanza, a supporto della Guardia Costiera del Ministero della difesa e degli organi per la sicurezza costiera del Ministero dell’interno libici.

Il provvedimento punta a incrementare la capacità operativa delle autorità costiere libiche, per garantire la corretta gestione delle dinamiche del fenomeno migratorio e dei flussi provenienti da e in transito in quel Paese, attribuendo priorità alla necessità di contrastare i traffici di esseri umani, di salvaguardare la vita umana in mare e di contenere la pressione migratoria, anche in un’ottica di tutela delle frontiere esterne e di prevenzione di potenziali rischi di infiltrazioni da parte di soggetti contigui alle organizzazioni terroristiche.

Autorizzati poi, per l’anno 2018, specifici stanziamenti per garantire la manutenzione delle unità navali cedute dal Governo italiano a quello libico e lo svolgimento, da parte delle forze armate e di polizia italiane, delle attività addestrative e formative del personale della Guardia costiera del Ministero della difesa e degli organi per la sicurezza costiera del Ministero dell’interno libici.

image_pdfimage_print
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *