Uccisa dal marito. Confermato ergastolo per l’assassino di Stefania Formicola

Borrelli: “ci auguriamo che questa sia la prima di una serie di sentenze durissime verso i criminali e gli assassini che infestano il nostro territorio” .
Francesco Emilio Borrelli

Carcere a vita  confermato per Carmine d’Aponte che nell’ottobre del 2016 uccise la moglie Stefania Formicola di 28 anni e madre di due figli.  Stefania Formicola fu uccisa a Sant’Antimo mentre era nella sua auto con un colpo di pistola al petto esploso dal marito che non accettò il divorzio. 

“Ho sentito i genitori della vittima – dichiara il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli – che finalmente hanno avuto giustizia. Non riavranno la loro figlia ma hanno riacquistato piena fiducia nello Stato. Negli ultimi tempi durante le udienze Carmine d’Aponte ha effettuato in aula anche gesti irriverenti nei confronti dei familiari di Stefania Formicola. Adesso avrà a disposizione tutto il resto della vita chiuso in un carcere per riflettere su quello che ha fatto. Ci auguriamo che questa sia la prima di una serie di sentenze durissime verso i criminali e gli assassini che infestano il nostro territorio convinti sempre di farla franca.”

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
image_pdfimage_print
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.redazione@ilmonito.it