Tutto e il contrario di tutto, la minoranza di Caiazzo Bene Comune smaschera tutte le mancate promesse del sindaco Stefano Giaquinto

MANCATE PROMESSI SU RISCOSSIONE TRIBUTI, DIMINUZIONE DELLE TARIFFE LOCALI E INDENNITÀ DI CARICA. 

IL CONSIGLIERE DELLA ROCCA: ORMAI NON LO FERMA PIÙ NESSUNO IL SINDACO CHE STA FACENDO L’ESATTO CONTRARIO DI QUANTO AVEVA PROMESSO IN CAMPAGNA ELETTORALE E SCRITTO NEL SUO PROGRAMMA CHE ALTRO NON È CHE UN COPIA ED INCOLLA.

“Ormai non li “frena” più nessuno! O meglio non lo “frena” più nessuno. Dopo le belle parole durante la campagna elettorale, come si è smentito per le indennità di carica che non voleva percepire lui e i “missionari” del chiostro comunale, così il sindaco Giaquinto continua a smentirsi per quanto riguarda il ricorso a società esterne, pagate con i tributi di noi cittadini, a supporto dell’ufficio Finanze e Tributi”.

A dichiararlo il gruppo consiliare di minoranza Caiazzo Bene Comune che mette in evidenza tutte le mancate promesse del primo cittadino e della sua maggioranza.

“Nel capitolo del programma elettorale di Uniti per…Caiazzo intitolato “Finanze e Tributi”, il nostro affermava testualmente che “L’ufficio tributi dovrà gestire in autonomia i flussi relativi ad imposte e tasse comunali, permettendo di effettuare (SENZA RICORSO A SOCIETÀ ESTERNE) un controllo sui tributi pregressi con eventuali azioni di recupero…”; ebbene, tutti bla bla bla.

Affermava “senza ricorso a società esterne”, e difatti, con determina pubblicata il 22 marzo dal settore finanziario, la n.10 del 5 marzo 2019, si affida ad una società esterna di Piedimonte Matese e fino al mese di luglio prossimo, con possibilità di proroga, per 9.000,00 euro più il 22% di IVA, il supporto all’ufficio finanziario dell’Ente.

Oggetto dell’incarico alla ditta esterna, così come si evince dal contratto, la “…elaborazione di dati in materia contabile e fiscale a supporto dell’area finanziaria con riguardo sia alle problematiche fiscali connesse alla soggettività passiva tributaria del Comune (Iva, Irap, Irpef, imposta di registro ad altri tributi minori) ed ai relativi adempimenti”, denuncia il consigliere Mauro Carmine Della Rocca a nome dell’opposizione.

“E, per finire, nell’ultimo consiglio comunale, sindaco e maggioranza hanno confermato tutte le tariffe dei sevizi della precedente amministrazione. Eppure, durante la campagna elettorale, Giaquinto, dal palco, ci aveva promesso che “riduceva le tasse”. Neanche questa promessa è stata mantenuta! Addirittura nel suo programma elettorale, aveva scritto che le “scelte amministrative (della precedente amministrazione) erano inusuali e hanno dimostrato nei fatti il loro fallimento”.

Forse una scelta davvero “inusuale”, come afferma nel “SUO PROGRAMMA ELETTORALE”, l’ha fatta proprio lui, “stipendiandosi con i suoi missionari del Chiostro comunale”! Tali emolumenti li poteva mettere a disposizione in uno specifico capitolo di bilancio comunale per poter “ridurre le tasse comunali”! Forse il programma elettorale in alcuni punti è stato un “copia e incolla”, conclude il consigliere del gruppo di minoranza Caiazzo Bene Comune, Della Rocca.


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
image_pdfimage_print
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.redazione@ilmonito.it