Triangolare “Un Calcio all’indifferenza” vinto dalla quarta sezione del reparto Mediterraneo del carcere di Secondigliano

Napoli, 9 giugno – Iniziativa sportiva nel carcere di Secondigliano: il triangolare di calcio vinto dalla quarta sezione del reparto Mediterraneo. Il garante Ciambriello: “Approvare i decreti legge di riforma penitenziaria.” Si è conclusa questa mattina l’iniziativa sportiva “diamo un calcio all’indifferenza” promossa dall’associazione Onlus “La Mansarda” di Samuele Ciambriello, presidente ed attuale Garante regionale dei detenuti. L’iniziativa, come nella prima edizione, ha visto coinvolti sia tutte le sezioni del reparto Mediterraneo del carcere di Secondigliano, dove sono ristretti i detenuti comuni, sia varie realtà quali: associazione Kodokan Sport Napoli, Nuovo Avvenire Onlus, la Ing Consulting. All’iniziativa sono stati presenti oltre a Samuele Ciambriello che ha dato il calcio d’inizio, la vice direttrice dell’istituto la Dott.ssa Claudia Nannola, il capo dell’area educativa il dottor Orlando Olmo, l’educatrice la Dott.ssa Gabriella di Stefano e le volontarie dell’associazione che da tempo, assieme al presidente Ciambriello sostengono e promuovono progetti volti ad incrementare attività che possano creare e portare la persona che sbaglia a riflettere e darsi un domani un’opportunità per riscattarsi. Il torneo si è concluso con la vittoria della quarta sezione del reparto Mediterraneo capitanata da Vincenzo. Il Garante campano dei detenuti Samuele Ciambriello nel suo intervento alla stampa ha richiamato l’esigenza di dare attuazione alla riforma carceraria: “un sistema civile deve privilegiare misure diverse dal carcere. La Costituzione ci dice di promuovere il recupero del diversamente libero ai valori della convivenza civile. I decreti congelati in Parlamento garantiscono condizioni più umane e meno degradanti per i reclusi”-  ha concluso Ciambriello.

Calcio d’inizio – Garante per i detenuti della Regione Campania Samuele Ciambriello
image_pdfimage_print
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *