Trattoria Amabile, a Cercola passione e tradizione in cucina con lo chef Marco De Cesare

Cercola, 12 ott. E’ una piccola isola del gusto curata con raffinatezza e calda accoglienza. A Cercola la casa della cucina tradizionale, rivisitata con dedizione e passione scoprendo le ricette della nonna, reca l’insegna Amabile.

Il padrone di casa, lo chef Marco De Cesare porta in tavola sapori autentici e veraci, spaziando dagli antipasti al dolce, preparati rigorosamente in giornata con ingredienti autoctoni e a chilometro zero. La stagionalità la fa da padrona, divenendo comune denominatore di piatti equilibrati e belli da vedere!

Il palato si lascia accarezzare dalla proposta di una delicata vellutata di bufala con fiori di zucca, spolverata di paprika e crostino cotto al forno: tre livelli di sapore arrivano all’assaggio, un primo profumato e dolce; un secondo caldo, fino ad approdare al terzo più corpulento e deciso.

Tra una fritturina della casa, dorata e senza grassi, una parmigiana fiorisce nel piatto coi suoi petali rosso vivo: il pomodoro conquista le papille gustative contribuendo a dare dolcezza alla melanzana scomposta. Le fa eco un mix di polpettine che conquistano al primo assaggio come ciliege che si lasciano mangiare una dietro l’altra!

Regina della tavola la pasta e patate flambè, mantecata grazie all’alcool alimentare che genera la fiamma, in forma di grana che si scioglie incontrando la saporita provola filante e fumante. Goduria del gusto! La tradizione scende in campo e conquista i suoi applausi, cedendo il passo all’innovativa pasta con polipo soffritto, ideata dallo chef per scardinare ogni preconcetto sul poco amato soffritto di interiora di animale.

Casa Amabile propone un soffritto di polipo al pomodoro, foglio di alloro e sugna che strizza l’occhio al giusto piccante, insieme alla migliore pasta trafilata, che conquista perfino l’assaggio dei bambini. Provare per credere!

Ceci e baccalà donano un ‘quid’ in più al secondo più amato dai partenopei veraci. Una porzione di questo piatto avvolge il cuore e lo conquista col calore tipico della taverna della tradizione. I palati più delicati possono tuffarsi in un ensamble di totani e patate, piatto semplice, ma ricercato.

E che dire dei dolci al cucchiaio che vedono trionfare il torroncino preparato dalle rigorose mani dello chef o la zolletta di zucchero caramellata, alchimia che conquista perfino i più piccoli a tavola.

Anche la pizza siede in assise da Amabile, grazie al quarantennale lavoro di Umberto Salvo, maestro formatore e custode della tradizione dell’Associazione pizzaioli. Un morbido impasto lievitato per oltre 24 ore, assicura bontà perfino alla pizza dedicata ai celiaci!

Dalla margherita diversa, alla pizza con alici e pomodorini gialli, fino ad arrivare alla classica marinara, ogni pizza assicura il giusto gusto nel rispetto dell’assoluto impasto napoletano.

Casa Amabile rivive anche a Napoli, precisamente al Vomero, con il food concept di Terra Mia, inaugurato sempre da Marco De Cesare pochi giorni fa, pensando ad un take away fatto di sfizi e panini confezionati come farebbe mammà, con tanto amore e ingredienti freschi e genuini, perchè se proprio deve essere veloce, il pasto va fatto con buon senso e attenzione a ciò che si mangia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

image_pdfimage_print
Pina Stendardo

Pina Stendardo

Collaboratrice freelance presso diverse testate online, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: