“Terra dei Fuochi”: al via il servizio di controllo aereo con i droni

Otto droni per il controllo aereo del territorio, il coinvolgimento delle forze dell’ordine, presidi multiforze sui territori (Mondragone, Marcianise, Massa di Somma e Giugliano), senza dimenticare poi la questione ecoballe.

Questo il piano di interventi messo in campo dalla Regione Campania nei comuni del Napoletano e del casertano che rientrano nella “Terra dei Fuochi”, e spiegato nei dettagli dal governatore, Vincenzo De Luca che, questa mattina a Marcianise. si è soffermato sui risultati ottenuti nel contrasto agli illeciti ambientali.

“Abbiamo deciso di affrontare di petto alcune emergenze: dal disastro delle ecoballe, che ha determinato un danno di immagine gravissimo per la Campania, al contrasto e  la lotta agli sversamenti abusivi e ai roghi. Per fare questo abbiamo investito 40 mln di euro, 10 mln di euro ai Comuni per incentivare la raccolta differenziata e la pulizia dei siti di stoccaggio. E poi abbiamo avviato un’iniziativa che coinvolge le varie istituzioni del territorio con il supporto di nuove tecnologie per monitorare le aree anche dall’alto”.

A Marcianise, il presidente De Luca ha inaugurato la partenza del servizio di controllo con i droni, che serviranno ad effettuare analisi dettagliate e particolareggiate del territorio, ispezionando grandi aree e individuando sversamenti illeciti in luoghi più difficilmente accessibili dai pattugliamenti.

Droni per il controllo aereo del territorio, il coinvolgimento delle forze dell’ordine, carabinieri, guardia di finanza e vigili del fuoco e presidi multiforze sui territori a rischio, Mondragone, Marcianise, Massa di Somma e Giugliano, tecnologie d’avanguardia per una presenza nei territorio più efficace.
E sulla questione ecoballe: “E’ stata  conclusa la seconda gara per eliminare altre 500mila tonnellate di ecoballe, un passo alla volta stiamo arrivando all’obiettivo che ci eravamo dati, vale a dire entro un anno poter dire all’Italia che la Terra dei Fuochi non c’è più. Non guarderemo in faccia a nessuno, non lisceremo il pelo a chi viola la legge, non intendiamo perdere più la dignità dei nostri territori per clientela politica”.

image_pdfimage_print
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *