“Tecniche per l’export”: al via in Confindustria il corso Ice per l’internazionalizzazione delle imprese. Nel 2018 in provincia di Caserta oltre 1 miliardo di euro di esportazioni

Un dato confortante, che fa registrare un export di 834 milioni di euro per la provincia di Caserta nei primi tre trimestri del 2018, con una proiezione sull’intero anno che supera il miliardo di euro. Il settore trainante risulta essere quello manifatturiero, con particolare riferimento ai comparti della metallurgia, del tessile e dell’agroalimentare. Numeri, questi, che dimostrano una certa capacità di resistere alla crisi e di competere da parte delle aziende casertane. Questi dati sono stati illustrati stamani durante la tappa inaugurale dell’iniziativa “Tecniche per l’Export”, un corso gratuito del Piano Export Sud II, sulle tecniche dell’export organizzato da “Ice Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane” in collaborazione con l’Unione degli Industriali della provincia di Caserta, destinato a PMI, start-up, cooperative, consorzi e reti di impresa delle cosiddette regioni meno sviluppate.

Presso la sede di Confindustria Caserta ben 90 aziende, provenienti dall’intera regione Campania, hanno partecipato a questa prima giornata di approfondimento, che ha toccato il tema “Trasporti e Dogane”: si è parlato di come minimizzare i rischi connessi alle operazioni di export, gestendo in maniera adeguata i trasporti internazionali e le problematiche doganali, evitando inutili e costose controversie. Come ha sottolineato il docente del corso, Fulvio Liberatore, il tema di trasporti e dogane “è strategico per chi fa impresa, soprattutto per le aziende di piccola e media dimensione, che costituiscono il tessuto dell’economia italiana. Questo progetto mira a far conoscere quegli strumenti utili a semplificare le pratiche burocratiche, specie in materia doganale. Per l’export la grande occasione è data dalla trasformazione di quelli che sono complessi adempimenti in opportunità per le imprese”.

 “L’Ufficio Servizi Formativi dell’Ice – ha spiegato Fabrizio Spano, referente dell’Ice – ha promosso questa iniziativa partendo dal suo importante patrimonio di esperienza in materia. Questo progetto, che fa parte del Piano ‘Export Sud 2’, permette di rispondere alle esigenze degli imprenditori: per questo la sinergia con Confindustria Caserta ha un significato molto importante. E’ un progetto utile a supportare le imprese del territorio, in questo caso alla provincia di Caserta, nella loro attività di internazionalizzazione”.

“Con ‘Tecniche per l’Export’ – ha aggiunto il presidente di Confindustria Caserta, Luigi Traettino – proseguiamo il nostro percorso votato all’internazionalizzazione, un tema strategico per la nostra Associazione. Dopo l’Evento Pubblico del 6 novembre scorso, che ha visto la presenza delle massime rappresentanze diplomatiche di India, Israele e Usa, e la missione a Calcutta del mese di febbraio, abbiamo deciso di realizzare questo progetto insieme all’Ice, che deve aiutarci nell’attività di formazione delle imprese che intendono esportare. Dopo la crisi di dieci anni fa e il crollo del mercato interno, a resistere sono state solo le aziende capaci di fare export. Per questo l’iniziativa che ha preso il via oggi assume una particolare importanza”.

“Tecniche per l’Export” rientra nel Piano “Export Sud 2”, un programma pluriennale attuato da ICE-Agenzia finanziato con i fondi PONIC 2014-20, che prevede la realizzazione di numerose iniziative formative e promozionali rivolte alle regioni del Mezzogiorno (www.ice.it/it/piano-export-il-sud), e si articola in tre incontri specialistici e in una giornata di workshop. In tal modo si intende offrire un approfondimento su tematiche fondamentali del commercio con l’estero, favorendo una gestione strategica dei trasporti e delle procedure doganali, dei pagamenti internazionali, della contrattualistica.

Al termine del percorso i partecipanti saranno in grado di conoscere i principali strumenti, organizzare con maggiore consapevolezza i processi aziendali e minimizzare i rischi connessi alle attività di export.

Il secondo appuntamento, il 14 marzo, sarà dedicato ai “Pagamenti Internazionali”, mirando a individuare e valutare il rischio di mancato pagamento nelle vendite verso l’estero attraverso la conoscenza degli strumenti di pagamento e di garanzia più efficaci. La terza giornata, il 21 marzo, sarà riservata alla “Contrattualistica”, con un’attenzione particolare a come acquisire le conoscenze fondamentali per negoziare, definire e gestire i principali contratti internazionali, nonché a come comprendere, saper redigere e utilizzare le più importanti clausole contrattuali. Infine, il 28 marzo, il workshop conclusivo. In questa occasione, le imprese che avranno partecipato ai tre incontri specialistici potranno prendere parte a una sessione ristretta di lavoro con un esperto della Faculty ICE Agenzia.

 

 


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
image_pdfimage_print
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.redazione@ilmonito.it