Sulla Ricerca un patto fra la SSIP e la Regione Veneto

Imperiale “Insieme per le innovazioni di prodotti e processi, la Stazione centrale nel Paese”

“Siamo molto soddisfatti, la Regione Veneto ha cofinanziato il progetto di Ricerca che la SSIP ha progettato e già avviato nei mesi scorsi insieme ad importanti aziende  del Distretto di Arzignano e che rientra tra i nuovi programmi di Ricerca  per il triennio 2020-2022  le cui finalità sono quelle di mettere a punto tecnologie innovative, di processo e di prodotto, e di riduzione dell’impatto ambientale”. Così Edoardo Imperiale, direttore generale SSIP che ha il suo centro nevralgico presso il Parco Scientifico e Tecnologico Adriano Olivetti di Pozzuoli.

Al via, dunque, il nuovo Progetto  Ri-Leather – Nuovo sviluppo di prodotti e tecnologie per la RIduzione delle sostanze pericolose ed inquinanti, il RIutilizzo e il RIciclo degli scarti di lavorazione della pelle. Un progetto nel quale la SSIP  è partner operativo nella qualità di Organismo di Ricerca oltre che ideatore.

Il progetto, che vede coinvolte oltre all’azienda capofila Re.Al.Color, la Conceria Montebello, la Conceria Corradi e Biodermol Srl, è finanziato dalla Regione Venento nell’ambito del  bando FESR 2020 sull’azione 1.1.4 “Sostegno alle attività collaborative di R&S per lo sviluppo di nuove tecnologie sostenibili, di nuovi prodotti e servizi” – Progetti sviluppati da aggregazioni di imprese.

Il progetto mira ad introdurre innovativi prodotti chimici e processi di lavorazione conciaria, dalla fase di depilazione/calcinaio con recupero del pelo, alla concia wet white con recupero degli scarti, fino al riutilizzo degli stessi nella fase finale di lavorazione della pelle (riconcia), al fine di ridurre l’impatto ambientale e introdurre nel mercato nuovi prodotti ecosostenibili, finalizzati al miglioramento delle produzioni creative.

“Questo importante risultato – sottolinea Imperiale – premia  l’impegno del team tecnico scientifico operativo nel Distretto e riconosce il ruolo della Stazione Sperimentale nella sua qualità di unico organismo di ricerca nazionale riconosciuto ai sensi del Regolamento UE n. 651/2014 nelle materie della Chimica e Tecnologia Conciaria  in grado di implementare attività ricerca applicata di tipo industriale, la SSIP diventa sempre di più una struttura vicina al mercato di sbocco e ai fabbisogni reali delle imprese della filiera”. 


SOSTIENI ILMONITO.IT

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it