Si rispetti la legge e il diritto all’assunzione per i precari storici delle GaE

Ecco riportate le parole di Mariano Marchese, già membro dell’associazione DEMS, da anni impegnato nella battaglia per il riconoscimento dei diritti dei precari storici delle Graduatorie ad Esaurimento, scrive una lettera aperta ai Ministri Luigi Di Maio e Matteo Salvini:
“Egregi Ministri Luigi Di Maio e Matteo Salvini, da domani, nonostante tutto quello a cui stiamo assistendo, le maestre precarie storiche della #GaeInfanzia continueranno ad insegnare ai nostri figli che in Italia, in questo Paese, esiste ancora il rispetto delle leggi.
Lo faranno con tutta la professionalità con la quale si sono formate e lo faranno mettendo da parte la rabbia, l’angoscia, la delusione, il senso continuo di tradimento. Lo faranno lasciando spazio ad un solo sentimento, il bene. Perché Voi forse non lo sapete, ma loro sono questo: sono gente di bene e non di odio, sono gente di lavoro e non di furbizia, sono gente di sudore e non di regali, sono gente onesta e non gente che salta la fila, sono e saranno sempre gente per bene.
Voi state cambiando l’unica certezza che accomuna ogni singolo cittadino italiano, quella di vivere in uno Stato di Diritto.
Queste docenti invece non cambieranno il modo con cui continueranno ad educare le future generazioni di questo Paese.
In poco tempo siete riusciti a cambiare tutto e tutti, ma non noi, non queste donne che hanno fatto del proprio lavoro la loro vita. E non sarete mai capaci di cambiare il mio modo di pensare, di sperare, di credere che oltre ogni cosa, oltre tutte le difficoltà di questi anni, c’è il sole.
Non lo so quando, ma prima o poi, noi quel sole riusciremo a farlo tornare a splendere.
image_pdfimage_print
Mario Viglietti

Mario Viglietti

21 anni di Napoli. Ex genovesino , studente di medicina alla facoltà SUN . Pensatore freelance , amante delle arti , politico per passione . Obiettivi : rendere servizio alla comunita ' .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *