Scavi di Ercolano, per la Città Metropolitana un palcoscenico speciale per la Festa europea della Musica

Portare la musica nei luoghi della nostra storia: la musica, quella degli allievi dei licei musicali, i luoghi, quelli nei quali affondano le radici del nostro territorio e che lo rappresentano nel mondo, come il Parco archeologico di Ercolano. È così che la Città Metropolitana di Napoli, con il Sindaco Luigi de Magistris, ha voluto celebrare la Festa europea della musica, facendo risuonare le domus, le insulae, le terrazze e i decumani dell’antica Herculaneum delle note dei brani dei più noti compositori, da Mozart a Donizetti, da Verdi a Vivaldi, a Rossini, a Paisiello, eseguiti dai diversi ensemble formati dagli studenti, a beneficio di visitatori e turisti.

L’evento giunge a conclusione del progetto “I licei musicali e coreutici nei luoghi della Musica”, sviluppato nell’ambito della convenzione firmata lo scorso dicembre tra la Città Metropolitana di Napoli, il Teatro San Carlo, il Trianon Viviani, la Fondazione Cives e gli undici licei musicali e coreutici dell’area metropolitana: il Melissa Bassi, il Margherita di Savoia e il Boccioni Palizzi di Napoli, il Grandi di Sorrento, il Moscati di Sant’Antimo, il Munari di Acerra, il Severi di Castellammare, l’Albertini di Nola, il Rosmini di Palma Campania, il Pitagora – Croce di Torre Annunziata, e il Pascal di  Pompei.

image_pdfimage_print

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

redazione@ilmonito.it

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: