Sara Tommasi racconta gli anni bui del sesso

Sara Tommasi si è lasciata alle spalle un lunghissimo periodo buio fatto di droghe e di eccessi. L’ex bocconiana è affetta da una malattia (il bipolarismo, ndr.) che l’aveva condotta in un tunnel che sembrava non avere via d’uscita. Grazie ai ricoveri, al sostegno della madre che non l’ha mollata un attimo e alle medicine che tengono a bada la patologia, l’ex showgirl è tornata a condurre una vita normale. La 38enne è tornata a vivere nella sua città natale, Terni. Qui, qualche settimana fa, ha aperto una panetteria che ha chiamato “Le forme del grano”.

“Sto bene e cerco di curarmi, ho grandi cose in testa per il futuro – spiega in un’intervista a “Libero” – La mia vita ormai è cambiata ed io mi sento sicuramente meglio. Certo devo essere sempre sotto controllo perché quando ho dei momenti di depressione devo prendere qualche goccia di “Enn” per stare meglio ma sono certa che il peggio è passato”.

La Tommasi torna indietro agli anni bui in cui sesso e droga stravolsero la sua vita: “Ho incontrato e frequentato persone sbagliate che mi hanno fatto prendere strade che non avrei dovuto percorrere. Vorrei dirlo una volta per tutte che io ho sbagliato; dico questo perché è sempre colpa di chi le cose le accetta di fare, esiste il libero arbitrio ed io ho erroneamente scelto ma. Mi sono trovata a percorrere strade che mai avrei percorso. Mi hanno plagiato attraverso la droga, ho subito delle violenze che non auguro al mio peggior nemico e tutto questo inconsapevolmente. Quando facevo i filmati hard non ero in me. Non sapevo nemmeno ciò che stavo facendo e sono stati utilizzati contro di me e contro la mia dignità. Chiedo scusa perché non ho dato un bell’esempio alle persone che mi seguivano ma nella sostanza io ho fatto prima di tutto male a me stessa. Avevo tutto, bellezza, successo e un po’ di soldi e alla fine ho rischiato di perdere tutto”.

“Temevo di non riuscire a stare nella scia del successo – confessa – di poterlo perdere ed è stato così che ho iniziato a inseguire le ‘sirene’ sbagliate (…) Mi si avvicinavano persone che, dapprima blandendomi con complimenti sulla mia avvenenza e sulla mia bravura, mi dicevano che una come me meritava di guadagnare molto di più e poi, pian piano, gettavano la maschera e mi facevano fare cose orrende (…) La Giustizia esiste ed anche se con grande lentezza arriva e punisce chi si è comportato male”.

Sara svela com’è riuscita ad uscire da questo incubo: “Innanzitutto devo ringraziare quando sono stata ricoverata in ospedale tra la vita e la morte. Mi hanno salvata ed ho capito che andando oltre avrei perso la vita. Vedevo gli occhi di mia mamma che è sempre stata al mio fianco, capivo e sentivo la sua disperazione. L’ospedale mi ha tolto dai giri brutti di droga e sesso. Poi piano piano l’amicizia, l’amore ed i valori della vita mi hanno fatto cambiare rotta ma è stato ed è ancora molto difficile è faticoso”.

L’ex showgirl ha anche ritrovato l’amore: “Si chiama Angelo e lo è di nome e di fatto! Sono ormai tre anni che stiamo assieme e sono serena. Anche Angelo è arrivato in un momento dove nessuno si avvicinava a me. Chi si avvicinava lo faceva bullizzandomi e ricordando i miei film erotici. Era terribile. Angelo invece con grande dolcezza e garbo mi ha conquistata e adesso siamo indivisibili”.

“Oggi mi fido molto più delle donne che degli uomini – aggiunge – Gli uomini tendono sempre a volerti portare a letto, mentre se una donna ti vuole bene può vincere grandi battaglie al tuo fianco. Ho iniziato con una donna, Simona Ventura, ed oggi grazie ad un’altra donna (l’amica-manager Debora Cattoni, ndr.) sto rinascendo. Mi piacerebbe anche tornare in televisione con un mio programma e magari proprio al fianco di SuperSimo”.

L’intervista si conclude con un monito per i giovani: “Ragazzi non drogatevi, nemmeno uno spinello perché anche quello fa male; anche l’alcol se usato troppo può far fare cose che non si dovrebbero fare; seguite i vostri sogni ma attenti alle false promesse”.



ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, ILMONITO correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online ed ILMONITO ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@ilmonito.it

Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it