Sant’Anastasia – Furti di trattori nelle campagne anastasiane

Sant’Anastasia – Furti di trattori nelle campagne anastasiane. Sembra essere un nuovo escamotage del malaffare per fare ‘cassa’, anche se di questi furti in effetti non ci sono denunce, ed il perché è intuibile. Pare che nel giro di meno di dieci giorni, siano stati almeno quattro gli agricoltori ai quali è stato sottratto il trattore. Poi una telefonata, un contatto voluto dalla banda e la scelta è tra denunciare o riavere il mezzo agricolo, magari nuovo, con qualche centinaio di euro. Un giochino da poco per fare soldi su di un territorio che sembra essere la terra di nessuno e di tutti, almeno per quanto riguarda gli intrallazzi. Malumore, tensioni, giorni di semina o raccolto ritardati, ma anche tanto sconforto, anche perché la terza scelta per l’imprenditore agricolo, che non vuole compromessi e ormai non vuole denunciare, sarebbe quella di perdere il trattore. Insomma, la diffusione del fenomeno qualcuno l’ha percepita come un metodo per chiedere il ‘pizzo’ anche ai contadini che spesso hanno fondi agricoli ad uso personale.


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
image_pdfimage_print
Maria Beneduce

Maria Beneduce

Maria Beneduce

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.