Sanità, Beneduce-Russo: “Ok robot a Pozzuoli ma liste d’attesa?”

“Siamo felici che anche l’ospedale di Pozzuoli – dopo il Cardarelli, il Monaldi, il Pascale e l’Ospedale del Mare – possa vantare l’impiego del robot Da Vinci in chirurgia ma i cittadini guardano con attenzione ad altri processi che migliorano o peggiorano la qualità della vita in questo territorio. Ad esempio, vogliono sapere a che punto è la riduzione delle liste d’attesa, semmai qualcosa si stia facendo davvero per ridurle”. Lo dichiarano i consiglieri regionali Flora Beneduce ed Ermanno Russo, componenti della Commissione Sanità della Campania.
“Sappiamo che il Ministero ha varato un Piano nazionale di gestione delle liste d’attesa (Pngla) e che presto chiederà conto alle Regioni delle modalità di attuazione di detto piano a livello territoriale. Siamo curiosi di conoscere come la Campania abbia recepito le indicazioni del ministro Grillo”, evidenziano gli esponenti azzurri.
“Va bene la tecnologia, perché meno invasiva e più efficace, va bene anche plaudire alla tempistica con cui il personale medico e paramedico ha declinato in chiave operativa l’innovazione introdotta a Pozzuoli, ciò che invece non si può tollerare è la propaganda rispetto all’ordinario, che si vuole per forza far passare per risultato eccezionale e strabiliante. Alla sanità campana manca l’appropriatezza delle cure e una stretta sensibile sui tempi. Quando il governo regionale e la governance territoriale delle Asl saranno riusciti ad ottenere questo risultato, allora anche noi saremo pronti ad elogiare e a plaudire. Fino a quel momento, l’indice che più ci interessa è il disagio della gente e il grado di insoddisfazione degli utenti campani”, concludono Beneduce e Russo.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it