Riunito al Viminale il tavolo tecnico per la revisione testo unico enti locali

Presieduto dal sottosegretario Candiani: «Confronto molto utile»

Primo incontro questa mattina per il tavolo tecnico convocato per la scrittura delle nuove linee guida per la modifica del testo unico degli enti locali. All’ordine del giorno il superamento dell’obbligo, per alcune categorie di comuni, della gestione associata dei servizi.

Presenti, insieme al sottosegretario all’Interno Stefano Candiani – presidente del tavolo – il sottosegretario all’Economia Laura Castelli, il presidente dell’Unione delle Province Italiane (Upi) Achille Variati; per l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (Anci) il segretario generale Veronica Nicotra e il sindaco Mario Guerra, il vicecapo vicario del capo di Gabinetto del Viminale Emanuela Garroni, il capo del dipartimento per gli Affari Interni e Territoriali, Elisabetta Belgiorno, con lo staff tecnico, il capo dell’ispettorato Generale per la finanza delle pubbliche amministrazioni, Salvatore Bilardo.

«Un buon inizio – ha commentato Candiani – e se il detto è vero siamo a metà dell’opera». «Ho visto una buona condivisione dei principi», ha continuato il sottosegretario, che si è detto convinto «che le regole di gestione associata obbligatoria viste in questi anni non hanno prodotto i risparmi sulla spesa stimati e sperati. Siamo tutti concordi nel bisogno di scrivere nuove regole basate su incentivi e sostegno alla gestione associata dei servizi comunali, passando dall’obbligo a una vera convenienza».

Quello di oggi è stato «un primo momento di confronto molto utile – ha ribadito – ho fiducia che il proseguimento dei lavori ci porterà nei prossimi mesi a definire le linee guida per la riscrittura del testo unico degli enti locali».

image_pdfimage_print
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it