Napoli, sicurezza: incontro del prefetto con gli imprenditori

Chiesto dai rappresentanti di categoria per un esame a tutto tondo della situazione nell’area Metropolitana. I dati sui crimini in trend decrescente

Incontro con i rappresentanti delle categorie imprenditoriali dell’area Metropolitana di Napoli, ieri mattina in prefettura con il prefetto Carmela Pagano e i vertici delle forze dell’ordine provinciali.

Evidenziando una certa percezione di insicurezza sono stati gli stessi imprenditori ad aver fatto richiesta di un incontro. Il prefetto Pagano ha sottolineato che i dati – seppur ancora non pienamente consolidati – sull’andamento dei fatti criminosi, anche di natura predatoria, sono in trend decrescente, sopratutto nella città di Napoli (*).

Anche sulla responsabilità dei fatti che negli ultimi mesi  hanno suscitato allarme sociale, come quelli di violenza giovanile – ha sottolineato Pagano – è stata fatta rapidamente piena luce.
Nel corso dell’approfondito confronto il prefetto e le forze dell’ordine hanno rappresentato la necessità di collaborazioni sinergiche per combattere la criminalità diffusa e la criminalità organizzata, che ha interesse a infiltrarsi nelle attività economiche.

Sono stati esaminati i seguenti temi:

  • le opportunità offerte dall’adozione di adeguati ed innovativi strumenti tecnologici di videosorveglianza, per i quali sono in atto numerose iniziative, finanziate anche dal ministero dell’Interno (progetto Argo Panoptes, ormai entrato nell’operatività, che metterà a sistema tutte le telecamere pubbliche e private esistenti sul territorio)
  • la necessità di efficaci azioni di contrasto alla contraffazione, soprattutto in un territorio in cui, tra l’altro, risulta ancora consistente la produzione dei marchi contraffatti, con l’inevitabile contesto di lavoro sommerso, sfruttamento lavorativo e danni ambientali e per la salute
  • l’importanza di una collaborazione concreta delle vittime di estorsione  per contrastare il racket; l’assunzione di responsabilità da parte del mondo produttivo, componente rilevante della società civile, per supportare, con iniziative concrete, le opportunità, anche  lavorative, delle fasce giovanili, soprattutto nelle zone a più forte degrado, in modo da sottrarli al coinvolgimento in ambienti criminali.

Il mondo imprenditoriale ha manifestato massima disponibilità alle forme di collaborazione richieste e si farà portavoce presso i propri iscritti sia in ordine alla necessità di potenziare gli impianti di videosorveglianza che di collaborare con le istituzioni al rafforzamento del sistema di prevenzione.

Un primo esempio potrà essere  quello di una maggiore finalizzazione della formazione professionale, d’intesa con la regione Campania, per l’avviamento di giovani al lavoro, affinché le eccellenze imprenditoriali del territorio, che stanno contribuendo alla crescita dell’immagine della città, tramandino le proprie competenze alle giovani generazioni in un percorso virtuoso di legalità. Analogamente collaboreranno alle iniziative che le istituzioni metteranno in campo contro la contraffazione e il commercio abusivo.

I dati

(*). Nel raffronto tra il primo semestre 2018 con l’analogo periodo del 2017,  i delitti complessivi registrano: -6,01% nell’area metropolitana e – 7,89% nella sola citta di Napoli a fronte rispettivamente del – 4,20% e – 0,28% del raffronto dello stesso periodo 2017 rispetto al 2016. Per i reati predatori, nel raffronto tra il primo semestre 2018 con l’analogo periodo del 2017 si registra  – 2,48% nell’area metropolitana e – 6,08% nella città capoluogo; per i medesimi reati, dal confronto tra il primo semestre 2017 e il corrispondente periodo del 2016,  i valori risultavano rispettivamente -6,13 e -1,32%.

image_pdfimage_print

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

redazione@ilmonito.it

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: