Napoli ko 3-1 allo Stadium bianconeri in festa

Doppietta del croato e il sigillo finale del numero 19 rimontano il vantaggio di Mertens.

Torino, 29 settembre 2018 – Allo Stadium i campioni d’Italia battono i partenopei di Carlo Ancelotti al termine di una sfida che aveva visto il Napoli addirittura passare in vantaggio grazie al tocco sotto misura di Mertens. Da quel momento la reazione da big dei padroni di casa, culminata con la rimonta avviata da Mandzukic (doppietta) e suggellata da Bonucci. In mezzo l’espulsione per doppia ammonizione comminata a Mario Rui che ha lasciato i campani in inferiorità numerica, ma comunque vivi tanto che c’è voluto lo Szczęsny delle grandi occasioni per blindare i tre punti. Juventus che prosegue così a punteggio pieno e sempre più in testa: il Napoli scivola a -6.

Cronaca

Squadre in campo con i classici colori sociali e si comincia. Parte decisamente meglio il Napoli che al 6′ coglie il palo con un tiro da fuori di Zielinski. La Juve trema, Insigne tenta a farla cadere con un tiro a giro all’8′: para Szczęsny. Ronaldo prova a scuotere i suoi al 9′, la sua botta respinta da Ospina è però il preludio al vantaggio del Napoli: al 10′ Mertens raccoglie l’invito di Callejon e da distanza ravvicinata deposita il pallone in rete.

Al 24′ dura entrata di Mario Rui su Pjanic, giallo per il giocatore partenopeo. La contesa si accende, la Juve sale di tono e al 26′ pareggia: Ronaldo giganteggia sulla sinistra e mette in mezzo un pallone che Mandzukic deve solo appoggiare alle spalle del portiere.

Al 28′ la squadra di Allegri sfiora il 2-1 : punizione da posizione defilata di Ronaldo, Ospina si supera ma lascia lì il pallone, si accende una mischia a pochi passi dalla linea di porta con Chiellini che viene murato in extremis. È tutta un’altra Vecchia Signora rispetto ad inizio gara.

Nessuna novità ad inizio ripresa, ma match subito vivo e Juve in gol dopo neanche cinque minuti: Dybala avvia l’azione, la sfera giunge a Ronaldo che chiude il destro colpendo il palo, Mandzukic è il più lesto ad avventarsi sulla sfera e firma il sorpasso. 

Al 58′ il Napoli rimane in dieci: Mario Rui atterra Dybala, secondo giallo per lui e partita finita. Ancelotti corre ai ripari: dentro Malcuit e Milik per Zielinski e Mertens. Allegri ribatte con Bentancur al posto di Emre Can. Al 64′ finisce la partita di Dybala, travolto dagli applausi dello Stadium, al suo posto ecco Bernardeschi.

Al 72′ occasionissima Napoli: Callejon ha sui piedi la palla del 2-2, Szczęsny dimostra il perché la società campione d’Italia ha deciso di puntare su di lui per il dopo Buffon e salva il risultato. 

Al minuto 77: sugli sviluppi di un corner, Bonucci irrompe in scivolata sul secondo palo e fa tris.

All’83’ bianconeri vicini al poker, Ronaldo sciupa malamente Al 95′ il fischio finale, Juventus batte Napoli 3-1

image_pdfimage_print
Antonio De Falco

Laureato in Ingegneria Gestionale. Scrivo perché il mondo non è ancora compiuto e le storie non sono state raccontate tutte: l’abilità di scrivere è nell’immaginare che i fatti continuano ad accadere e che esistono ancora infinite storie.

Antonio De Falco

Antonio De Falco

Laureato in Ingegneria Gestionale. Scrivo perché il mondo non è ancora compiuto e le storie non sono state raccontate tutte: l'abilità di scrivere è nell'immaginare che i fatti continuano ad accadere e che esistono ancora infinite storie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.