Militari aggrediti a Santa Maria degli Angeli: arrestato l’aggressore tunisino irregolare

 

Assisi, 20 agosto. Due militari aggrediti a Santa Maria degli Angeli. Si tratta di due membri dell’Esercito, soldati in mimetica dell’operazione Strade Sicure. Il dispositivo è attivo ad Assisi nel 2015. I due militari rimasti feriti durante un controllo di routine avvenuto nei pressi della Basilica. I carabinieri della compagnia di Assisi hanno arrestato il loro aggressore. Si tratta di un cittadino di nazionalità tunisina, irregolare sul territorio nazionale. A suo carico, un ordine di espulsione risalente al 2018.

Secondo le prime informazioni – nel più stretto riserbo, indagano i Carabinieri della compagnia di Assisi agli ordini del maggiore Marco Vetrulli – il cittadino tunisino, fermato per un controllo, invece di fornire i suoi documenti avrebbe tirato fuori un piccolo coltello. Con esso avrebbe ferito, fortunatamente in maniera non grave, i due rappresentati delle forze dell’ordine. Entrambi hanno riportato leggere escoriazioni giudicate guaribili in pochi giorni. Le accuse per il cittadino tunisino sono resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale, e lesioni. I militari hanno riportato ferite guaribili in circa una settimana. La direttissima per la convalida dell’arresto si terrà mercoledì mattina.


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
image_pdfimage_print
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.redazione@ilmonito.it