L’Italia della pallanuoto femminile batte 9-8 la Russia e vince il girone

Mercoledì affronterà il Giappone nei quarti di finale.

CASORIA (NA) 8 lug. –  Vittoria di cuore e di sacrificio per le azzurrine della pallanuoto che sconfiggono, nello scontro diretto per il primo posto nel girone, la Russia per 9-8 in una partita tiratissima. Le italiane partono subito forte e nel primo tempo mettono sotto la Russia per 4-2 grazie anche alle prodigiose parate del portiere Sparano che nel secondo tempo para anche un rigore facilitando la fuga verso la vittoria dell’Italia che intanto si porta sul parziale di 7-3. Ma quando sembrava tutto facile … ecco il ritorno della Russia che dal terzo tempo in poi cambia passo (complice anche la maggior freschezza per il giorno di riposo in più) e con un parziale di 3-0 nei primi minuti del terzo tempo si rende pericolosa e crede nella rimonta. Il quarto tempo è un mix di traverse e pali con la Russia sempre molto aggressiva fino a che il goal di un’ottima Centanni (tripletta) spegne definitivamente le speranze di vittorie russe. L’Italia così approda ai quarti di finale da prima del girone e mercoledì 10 luglio sfiderà la terza classificata del girone A il Giappone.

TABELLINO

 1°T 4-2 2°T 3-1 3°T 1-3 4°T 1-2 TOT. 9-8

ITALIA

Sparano, Ioannou 1, Gottardo, Cuzzupè 1, Ranalli 1(R), Millo, Borg, Di Claudio 1, Repetto, Storai 1, Centanni 3, Cocchiere 1, Malara.

RUSSIA

Khamraeva, Kempf 2 (1R), Zaplatina 1, Pystina 2, Diachenko 1, Popova, Chagochkina 2, Leonova, Galimzianova, Inogamova, Mekhteleva, Lipskaia, Stepakhina.

CLASSIFICA Girone B

Italia 12

Russia 9

Australia 6

Stati Uniti 3

Cina 0


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
Antonio De Falco

Antonio De Falco

Laureato in Ingegneria Gestionale. Scrivo perché il mondo non è ancora compiuto e le storie non sono state raccontate tutte: l'abilità di scrivere è nell'immaginare che i fatti continuano ad accadere e che esistono ancora infinite storie.