La Spagna accoglierà la nave Aquarius con a bordo 629 migranti

Sarà la Spagna ad accogliere nel porto di Valencia la nave Aquarius che è ferma in mare con a bordo 629 migranti, tra cui 7 donne incinte e 11 bambini. A sbloccare, a sorpresa, la situazione di stallo – dopo il no di Italia e Malta – è stato il premier iberico, Pedro Sanchez, spiegando: “È nostro dovere aiutare a evitare una catastrofe umanitaria e offrire un ‘porto sicuro’ a queste persone, rispettando così gli obblighi del diritto internazionale”. La sindaca di Barcellona, Ada Colau, e il sindaco di Valencia, Joan Ribo, avevano offerto entrambi di accogliere nelle rispettive città la nave Aquarius, unendosi così ai sindaci di numerosi porti italiani. “Non possiamo guardare dall’altra parte”, aveva detto Colao al Forum di Nueva Economia, lanciando un appello a collaborare al nuovo governo spagnolo di Pedro Sanchez.
“Avevamo chiesto un gesto di solidarietà da parte dell’Ue su questa emergenza. Non posso che ringraziare le autorità spagnole per aver raccolto l’invito”. Lo afferma il premier Giuseppe Conte da Accumoli (Rieti) spiegando che la decisione della Spagna va “nella direzione della solidarietà”.
“Il governo è rimasto sempre compatto, alla faccia di chi trovava spaccature tra Lega e Cinquestelle”, ha detto il ministro dell’Interno Matteo Salvini in una conferenza stampa nella sede della Lega a Milano. “Evidentemente alzare garbatamente la voce paga, cosa che il governo italiano non faceva da tempo immemore. Abbiamo aperto un fronte di discussione a livello continentale, sicuramente non si chiude oggi la partita ma è un primo importante segnale che l’Italia non può sostenere questo peso da solo”, ha aggiunto il ministro dell’Interno.
Durissimo il commento di Gino Strada: “Sono sconcertato – dice – nel vedere ancora ministri sbirri e razzisti”. Più o meno gli stessi epiteti lanciati dal fondatore di Emergency quando ministro dell’Interno era Minniti, del Pd, che avviò una linea di maggior rigore.
Il capogruppo Pd al Senato, Marcucci, chiede che il governo riferisca in Aula,mentre il presidente Orfini twitta: “Con il silenzio M5S il grande leader *luigidimaio sta dimostrando di essere poco più che un semplice follower di *matteosalvini”. “Fico convochi per un’informativa urgente Salvini e Toninelli”, la richiesta del capogruppo Leu alla Camera Fornaro, “Monitoro, attendo notizie”, replica Fico.
image_pdfimage_print
Raffaele De Falco

Raffaele De Falco

Collaboratore freelance, convinto assertore del giornalismo moderno, fatto di social, notizie in tempo reale attraverso i più svariati mezzi di comunicazione attualmente in circolazione ed in continua evoluzione. Adoro il mare, amo viaggiare e scrivere: la cultura è la risposta alla vita quotidiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *