La Commissione Europea visita il Duomo di Napoli nell’ambito del progetto di valorizzazione del sito UNESCO

Con la visita ad alcune delle opere in corso nell’ambito Grande Progetto “Centro storico di Napoli, valorizzazione del sito UNESCO”, si è conclusa la due giorni di verifica e confronto, tra Regione Campania, Commissione Europea e Agenzia per la Coesione Territoriale, sullo stato di avanzamento del POR Campania FESR 2014-2020.

Martin Bugelli (DG REGIO Commissione Europea) rapporteur per il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale della Campania, ha visitato le opere di recupero, rifunzionalizzazione di alcuni ambienti del Duomo di Napoli e quelli in corso al Teatro antico dell’Anticaglia sempre nel capoluogo partenopeo.

Interventi che, come ha dichiarato il funzionario della direzione generale responsabile della politica dell’UE per le regioni e le città, per la loro complessità e interconnessione daranno alla città di Napoli e all’intera regione, strumenti ulteriori per migliorare la propria attrattività e favorire lo sviluppo. Opere integrate che migliorano la mobilità e l’offerta culturale. Opere che oltre a essere concluse devono essere fruibili, ma che devono anche ricevere la tolleranza dei cittadini fin quando i cantieri non saranno completamente rimossi.

Con la visita ad alcune delle opere in corso nell’ambito Grande Progetto “Centro storico di Napoli, valorizzazione del sito UNESCO”, si è conclusa la due giorni di verifica e confronto, tra Regione Campania, Commissione Europea e Agenzia per la Coesione Territoriale, sullo stato di avanzamento del POR Campania FESR 2014-2020.

Martin Bugelli (DG REGIO Commissione Europea) rapporteur per il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale della Campania, ha visitato le opere di recupero, rifunzionalizzazione di alcuni ambienti del Duomo di Napoli e quelli in corso al Teatro antico dell’Anticaglia sempre nel capoluogo partenopeo.

Interventi che, come ha dichiarato il funzionario della direzione generale responsabile della politica dell’UE per le regioni e le città, per la loro complessità e interconnessione daranno alla città di Napoli e all’intera regione, strumenti ulteriori per migliorare la propria attrattività e favorire lo sviluppo. Opere integrate che migliorano la mobilità e l’offerta culturale. Opere che oltre a essere concluse devono essere fruibili, ma che devono anche ricevere la tolleranza dei cittadini fin quando i cantieri non saranno completamente rimossi.

image_pdfimage_print

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

redazione@ilmonito.it

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.