Francia, Gozi: Settanta anni di amicizia a rischio…

“Questa settimana il nostro governo gialloverde ha fatto di tutto per incrinare il nostro rapporto di amicizia storica con la Francia. Luigi Di Maio, che evidentemente non sa di essere ministro, è andato in Francia a incontrare un esponente dei gilet jaunes antisemita, e ha creato un nuovo incidente diplomatico con la Francia” –  cosi in una intervista a France Inter Sandro Gozi, già Sottosegretario agli affari europei nel governo Renzi e nel governo Gentiloni.

Sandro Gozi

“Altri gilets – continua Gozi – hanno invece capito benissimo chi è Di Maio e lo evitano. Questo è costato ieri il richiamo ufficiale da parte della Francia al suo ambasciatore a Parigi. Non accadeva dal 1940..Oltre settanta anni di amicizia, collaborazione e rispetto reciproco in nome degli interessi di Italia e Francia e dell’Europa intera rischiano di essere cancellati per colpa dell’irresponsabilità di un governo affetto da bulimia verbale e da uno sfrenato sprezzo delle istituzioni nazionali ed europee “.
“Nel colpevole silenzio di un Presidente del Consiglio, più per caso che pro tempore, i due vicepremier Di Maio e Salvini non perdono occasione per aprire conflitti assurdi e inutili con Paesi alleati e che finiscono solo per isolare l’Italia. In questa gara autolesionista sembra per ora che stia vincendo Di Maio, che e’ riuscito a provocare un gravissimo incidente con la Francia. Classifiche a parte, in tutto ciò resta da comprendere il ruolo del ministro Moavero, che non più tardi di due settimane fa aveva ribadito che Italia e Francia erano e rimanevano paesi amici e alleati, derubricando il tutto a toni da campagna elettorale a cui dovevamo abituarci. Non mi sembra che il ministro sia stato molto convincente, ne’ a Roma ne’ a Parigi”. 
“Ora che la Francia ha richiamato il suo ambasciatore a Roma, il ministro ha qualche altra debole giustificazione per le spericolate prese di posizione delle due forze del governo di cui fa parte? Il conto di tutto questo? Lo pagano gli italiani” – conclude Sandro Gozi .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
image_pdfimage_print
ILMONITO
  • 3
    Shares
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.redazione@ilmonito.it

Translate »