‘Divino’, la personale del Maestro Domenico Sepe arriva a Matera

Il maestro d’Arte Domenico Sepe inaugura la sua stagione espositiva con una mostra personale presso la chiesa del Purgatorio a Matera, capitale europea della cultura 2019. La location prescelta é una delle chiese più belle della città edificata tra il 1725 e il 1747 dall’ingegnere G. Fantone con facciata arcuata convessa (realizzata da Vitantonio Buonvino e Bartolomeo Martemucci) in stile Barocco, dedicata al tema della morte e della redenzione dell’anima.

“DIVINO” il titolo della mostra, ci suggerisce un lungo percorso dal sacro al profano, un viaggio nell’espressione, dalla passione di Cristo alla malinconia ed il tormento degli angeli. Il vernissage si terrà sabato 5 ottobre 2019 alle ore 18.00,  tra letture, musica e presentazione della scultura dedicata alla città di Matera, “Cristo sospeso”.
La mostra propone un importante gruppo di opere, sculture di grande formato, che testimoniano il dialogo continuo e fecondo tra dimensioni e proporzioni poste in risalto da diversi materiali, dalla terracotta al bronzo fino a ricerche più contemporanee come l’utilizzo delle resine. L’incessante progressione della sua ricerca inoltra Sepe nel periodo artistico più elevato, avvicinandolo ad artisti come Gemito e Sammartimo.

“La mostra sarà un racconto dell’anima, dell’espressione e soprattutto dell’essenza delle emozioni” afferma Sepe.

L’eposizione sarà aperta al pubblico dalle 9.00 alle 13.00 – 16.00 alle 20.00 (lunedì mattina chiusura)

L’ evento concesso dall’Istituto Diocesano per il Sostentamento del Clero dell’ Arcidiocesi di Matera – Irsina sarà dal 5 ottobre al 2 novembre 2019

 

 

 


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
image_pdfimage_print
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.redazione@ilmonito.it