Digitalizzazione appalti: Ordini professionali e Città Metropolitana aprono il confronto

Le amministrazioni locali si accingono alla digitalizzazione degli appalti e della progettazione delle opere pubbliche con il Bim, Building Information Modeling. Fondamentale sarà la formazione delle risorse umane. Se ne è discusso stamani nell’aula consiliare della Città Metropolitana di Napoli, a Santa Maria La Nova, in un convegno che ha messo a confronto Ordini professionali, docenti universitari, amministratori locali e tecnici.

“Il Bim consente enormi vantaggi – ha evidenziato Edoardo Cosenza, Presidente dell’Ordine degli ingegneri di Napoli – fra i principali ricordo il risparmio dei costi (stimato del 20 per cento in Gran Bretagna, patria del Bim); la visione unitaria del progetto; la possibilità di trovare interferenze fra strutture e impianti in fase di progettazione senza avere sorprese dopo; la possibilità di aggiornamento istantaneo di cronoprogramma, costi, piani di sicurezza ed altro in relazione ad ogni variazione progettuale, la possibilità a lavori ultimati di monitorare impianti e sottoservizi con semplici app per la realtà aumentata. Le imprese e le grandi società di progettazione ne sono consapevoli: oggi all’estero non si lavora se non si conosce il Bim”.

In questo scenario la Pubblica amministrazione è forse l’anello debole. “Vanno formati – spiega Cosenza – uffici e risorse umane per poter gestire appalti in BIM. A livello locale abbiamo consolidate competenze in questo campo. C’è il master Bim dell’Ateneo Federiciano di cui sta per iniziare la quarta edizione. La Regione ha già avviato da tempo la sua conversione al Bim con l’aiuto dell’intero sistema universitario e il coordinamento della Federico II, anche perché ha competenze su opere pubbliche di rilevante entità, per le quali il legislatore prescrive in tempi rapidi l’adozione del Bim. La Città Metropolitana – prosegue la nota – si occupa di interventi di minore entità, ma anch’essa ha la necessità di riqualificare le proprie risorse. Possiamo considerare questo incontro di oggi come un trailer di quanto poi si dovrà concretamente decidere e fare, con un piano di formazione dettagliato che studieremo insieme”.

“Oggi – ha affermato Rosario Ragosta, Consigliere Delegato all’Informatizzazione e all’Agenda digitale della Città Metropolitana di Napoli – lanciamo una grande sfida che rivoluzionerà in maniera irreversibile il settore dei lavori pubblici: l’adeguamento della Città Metropolitana di Napoli e dei Comuni che la formano alla metodologia BIM. Abbiamo tracciato un primo percorso di formazione e addestramento delle risorse umane, accompagnati in questo processo dagli Ordini professionali, in particolare dall’Ordine degli Ingegneri e degli architetti. Ringrazio il presidente Cosenza della sua presenza e per accompagnarci in questo progetto con la Città Metropolitana di Napoli”.


SOSTIENI ILMONITO.IT

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it