Crisi di governo, Di Maio: “Ci affidiamo al presidente Mattarella”

Questa è una settimana decisiva per le sorti della legislatura: domani, infatti, ci sarà l’atteso discorso del Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in Senato.

Nel MoVimento 5 Stelle, intanto, cominciano i distinguo sull’apertura a un possibile governo con il Partito Democratico. Il ministro Riccardo Fraccaro ha affermato: “Non faremo accordi con Renzi e Boschi, è una bufala” e il collega Alfonso Bonafede ha detto: “Il M5S non si siederà mai al tavolo con loro“.

Luigi Di Maio, però, parlando all’assemblea dei parlamentari pentastellati, ha affermato: “Salvini parla di noi per fare notizia. È disperato. Spero si apra un dibattito nella Lega sul disastro che ha compiuto“, aggiungendo che “non apriamo o chiudiamo a nessuno. Ci affidiamo al presidente Mattarella“.

Per Di Maio la crisi è stata aperta “in spiaggia, tra un mojito e l’altro” ma è il “Parlamento il luogo democratico del dibattito“, ribadendo “fiducia in Conte, uomo di grande rettitudine“.

Infine, l’attuale vicepremier ha affermato che “per colpa della Lega si rischia l’aumento dell’IVA. Faremo di tutto per evitarlo“.


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
image_pdfimage_print
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.redazione@ilmonito.it