CORTESE- Osservatorio Nazionale per i diritti e la salute dei militari e delle forze dell’ordine

Roma, 24 aprile- La nascita il 16 gennaio scorso dell’Osservatorio Nazionale per i diritti e la salute dei militari e delle forze dell’ordine è stato un atto doveroso per rispondere alla drammaticità del fenomeno dei suicidi in caserma. Grazie al seminario che si è svolto alla Camera dei deputati, voluto dall’AISPIS, ho potuto riscontrare la necessità di istituire un ente capace di ascoltare, ma anche di prevenire con il sostegno psicologico casi di depressione, inadeguatezza, dovuta soprattutto alla mancanza di risorse umane tra militari e forze dell’ordine. Non lasciare soli chi serve lo Stato può essere un primo passo per la combattere i malesseri in questi comparti, ma serve anche che il governo faccia la sua parte. Così Antonella Cortese criminologa e Vice Presidente Osservatorio Nazionale per i diritti e la salute dei militari e delle forze dell’ordine.

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
image_pdfimage_print
Francesca Beneduce

Francesca Beneduce

Poliedrica e sempre in prima linea a difesa dei Diritti Umani. Laureata in Scienze Politiche, Criminologa, Giornalista. Esperta di politiche paritarie e di genere, di sviluppo locale, Bibliotecario, Valutatrice del personale della P.A. Ha ricoperto ruoli Istituzionali apicali per la Regione Campania e per Enti locali in Organismi di Parità. Consulente per lo sviluppo organizzativo in Enti pubblici e privati. dott.francescabeneduce@gmail.com