Coronavirus, verifiche della Polizia Metropolitana alla Pignasecca e alla Sanità: situazione sotto controllo

In forza del protocollo di ordine pubblico coordinato da Prefetto e Questore per il controllo del rispetto delle misure di contenimento del contagio da coronavirus, questa mattina gli agenti della Polizia Metropolitana di Napoli hanno pattugliato le zone della Pignasecca e della Sanità a Napoli, e i territori dei comuni di Afragola e Marano nell’area nord e di diversi comuni dell’agro acerrano-nolano. Solo in mattinata più di 100 persone controllate e una cinquantina di esercizi commerciali. Riscontrato un sostanziale rispetto dei divieti: la presenza delle forze dell’ordine funge da deterrente, così come l’azione dei poliziotti metropolitani impedisce la creazione di assembramenti e code indisciplinate nelle attività commerciali.

Pignasecca e Sanità, le zone maggiormente attenzionate sotto il profilo del rispetto dei divieti imposti dalle recenti disposizioni che hanno limitato ai soli casi di assoluta necessità, ai motivi di lavoro e di salute gli spostamenti delle persone per evitare la diffusione del contagio da coronavirus, oggi sono sotto il controllo della Polizia Metropolitana di Napoli: agli agenti di Palazzo Matteotti si è presentata una situazione sostanzialmente ordinata, con poca gente in strada e quella che c’era era munita di regolare autocertificazione. Anche lo stato degli esercizi commerciali aperti si mostrava buono e in ordine.

I poliziotti agli ordini del Comandante Lucia Rea hanno effettuato verifiche e controlli nell’area dell’Ospedale Vecchio Pellegrini, più giù in via Pignasecca dove più intensa è la presenza delle attività commerciali, hanno controllato persone ed esercizi: non sono state riscontrate irregolarità.

Pattugliata anche la Sanità, in particolare via delle Vergini, che nei giorni scorsi aveva fatto registrare assembramenti e situazioni al limite: oggi – complici le non incoraggianti condizioni meteorologiche – le donne e gli uomini del Corpo di Polizia della Città Metropolitana, diretta da Luigi de Magistris, hanno trovato flussi di persone regolari e ridotti al minimo.

I poliziotti metropolitani, secondo il programma stabilito dal protocollo coordinato da Prefettura e Questura di Napoli, hanno effettuato controlli anche nel territorio dei Comuni di Afragola e Marano nell’area nord, e nell’agro acerrano-nolano.

Solo in mattinata più di 100 le persone controllate, una cinquantina gli esercizi commerciali.

La presenza delle forze dell’ordine – fanno sapere gli agenti – funge da deterrente, così come pure, complessivamente, l’inasprimento delle misure restrittive e l’annuncio di una stretta dei controlli. Presso gli esercizi commerciali, inoltre, l’attività dei poliziotti metropolitani punta a regolamentare gli accessi, in maniera da evitare la formazione di code in maniera indisciplinata.

La Polizia Metropolitana di Napoli ha, da lunedì, raddoppiato le pattuglie per le attività di contenimento del rischio da coronavirus, portando all’80% delle forze disponibili il contingente dedicato al controllo del rispetto delle norme previste per il contrasto alla diffusione del contagio, per il quale ha istituito un’apposita sala di coordinamento presso il Comando di via Pietravalle.

Continuano, inoltre, ad arrivare chiamate al numero dedicato all’emergenza coronavirus della Polizia Metropolitana (081 – 3736320, attivo dal lunedì al venerdì dalle ore10.00 alle 17.00) attraverso il quale i cittadini possono ricevere informazioni circa l’applicazione delle misure previste dai Decreti varati dal Presidente del Consiglio dei Ministri   (DPCM) e dal Presidente della Regione Campania, ma soprattutto possono segnalare assembramenti e violazioni delle norme anti-contagio, in maniera da consentire interventi immediati delle pattuglie nell’area. Gli agenti stanno registrando un notevole gradimento da parte degli utenti.

Esprime la sua soddisfazione per l’attività della Polizia Metropolitana sul fronte coronavirus il Consigliere Metropolitano Delegato al ramo, Carmine Sgambati.


SOSTIENI ILMONITO.IT

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it