Coronavirus in Italia, Toni Capuozzo: “Responsabili le Istituzioni”

Toni Capuozzo sul Coronavirus in Italia ha le idee chiare: «Colpa di una classe politica modesta che pensa solo al razzismo». Sarebbero saliti a due i morti in Lombardia a causa del contagio.

L’invettiva del conduttore è contro il governo, poco attento e scrupoloso. Nonostante le rassicurazioni, infatti, qualcosa non avrebbe funzionato nei protocolli di prevenzione. Nelle scorse settimane era stato annunciato lo stato di emergenza sanitaria e il traffico aereo con la Cina interrotto. Il virus, però, avrebbe contagiato ventisei persone. Anche Matteo Salvini pensa che qualcosa non abbia funzionato.

Toni Capuozzo sul Coronavirus sostiene che a essere responsabili siano le istituzioni. L’arrivo in piena Pianura Padana non lo ha fatto più trattenere: «È una classe politica modesta, che si tratti di Europa o di Libia, di tasse o di istruzione, di ricerca o di reddito di cittadinanza», ha detto.

E ancora: «Ma sul Coronavirus hanno fatto di peggio, pensando che la correttezza politica (visita scuole multietniche, ristoranti cinesi ecc.) fosse la cosa più importante, che il nemico fosse il razzismo».

Accusa tutti di essere stati sordi agli appelli di Burioni, di aver sottovalutato il problema, concentrandosi invece su questioni secondarie. Accusa di non preoccuparsi del Paese, come di chi dorme all’addiaccio e chi lavora nei campi con salari e turni disumani.

«Il razzismo è un male da tenere a bada, l’allarmismo è un pericolo, certo. Le malattie, anche», conclude così, lapidario. Intanto, l’assessore al Welfare della Lombardia, Giulio Gallera, dice che serve «calma e serenità». Tutte le procedure di emergenza necessarie sono attive, sostiene.


SOSTIENI ILMONITO.IT

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it