Caserta Ambiente – La Giunta approva il catasto delle aree percorse dal fuoco: divieto di costruzione per dieci anni sui terreni interessati dai roghi

La Giunta Comunale, su proposta dell’assessora alla Programmazione e Pianificazione Urbanistica, Stefania Caiazzo, ha approvato una delibera che adotta il Catasto incendi, ovvero delle aree percorse dal fuoco, strumento fondamentale per censire i terreni interessati dai roghi negli ultimi cinque anni. Il Catasto recepisce appieno la legge n. 353/2000, che prevede una serie di condizioni estremamente restrittive per il riutilizzo e la trasformazione dei suoli che hanno subito incendi. Ad esempio, è previsto che le zone boscate e i pascoli i cui suoli siano stati percorsi dal fuoco non possano avere una destinazione diversa da quella preesistente all’incendio per almeno quindici anni. È inoltre vietata per dieci anni, su tali suoli, la realizzazione di edifici nonché di strutture e infrastrutture finalizzate ad insediamenti civili ed attività produttive, fatti salvi i casi in cui per detta realizzazione sia stata già rilasciata, in data precedente l’incendio e sulla base degli strumenti urbanistici vigenti a tale data, la relativa autorizzazione o concessione. Per cinque anni, poi, sempre sui terreni interessati da roghi, sono vietate le attività di rimboschimento e di ingegneria ambientale sostenute con risorse finanziarie pubbliche. Stop per dieci anni, su questi suoli, anche alle attività di caccia e pascolo. Nei prossimi giorni si provvederà alla pubblicazione delle particelle catastali (si tratta di aree molto estese, che si sviluppano soprattutto nella zona collinare, da San Leucio fino a Casertavecchia) interessate dagli incendi dal 2012 al 2017. Su tali particelle potranno pervenire osservazioni da parte dei cittadini e dei proprietari delle aree interessate dai roghi.

“Con questo catasto – ha spiegato il sindaco Carlo Marino – i delinquenti che appiccano i fuochi ogni estate con l’intento di riutilizzare i suoli a fini speculativi non avranno scampo. Abbiamo approvato la delibera nel momento giusto, ovvero prima dell’arrivo della stagione estiva. Questo strumento costituisce un formidabile deterrente e pone dei vincoli determinanti che impediscono a dei criminali di fare violenza alla nostra terra, deturpandone l’ambiente e la vegetazione. Con il catasto delle aree percorse dal fuoco la città di Caserta può prevenire e affrontare in maniera adeguata l’annoso problema dei roghi dolosi”.

“È un passo decisivo – ha aggiunto l’assessora alla Programmazione e alla Pianificazione Urbanistica, Stefania Caiazzo – per uno sviluppo armonico del territorio e per la sua tutela. Il Catasto incendi, infatti, è perfettamente in linea con gli altri strumenti di programmazione e di pianificazione sui quali l’Amministrazione ha già lavorato, a partire dal preliminare del Piano Urbanistico Comunale (PUC) e dal Parco Urbano Intercomunale dei Monti Tifatini. Si tratta di un provvedimento di grande validità, che ci consente di contrastare l’odioso fenomeno dei roghi dolosi, che si ripropone ciclicamente in estate”.

image_pdfimage_print

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

redazione@ilmonito.it

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.