Camorra, ucciso in quanto cognato di un pentito, preso il responsabile

Napoli, 20 febbraio – I carabinieri di Torre Annunziata (Napoli) e la DDA sono riusciti a fare luce su un omicidio avvenuto 18 anni fa.

Fortunato Marano era stato ucciso con un colpo di pistola in pieno viso il 29 dicembre 2001, per poter così recapitare un messaggio al collaboratore di giustizia Pasquale Galasso, ex esponente della Nuova Camorra organizzata di Raffaele Cutolo.

Marano era infatti il cognato di Galasso ed è morto per una vendetta trasversale, mentre si recava a comprare frutta e verdura al mercato.

I carabinieri e la DDA sono riusciti ad individuare il mandante, ossia il 58enne Pasqualino Garofalo, boss dell’omonimo clan. 


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
Chiara Esposito

Chiara Esposito

Laureata in Lettere Moderne, sogna di diventare una giornalista a tempo pieno.