Benevento: il “Teatro della Legalità” contro il bullismo

Sul palco del “San Vittorino” manifestazione artistica di sensibilizzazione sul tema organizzata dalla prefettura

Una manifestazione organizzata presso il teatro “San Vittorino” di Benevento per sensibilizzare la cittadinanza sui fenomeni del bullismo e cyberbullismo e sulla  gravità delle conseguenze sui giovani, è stata organizzata ieri dalla prefettura in collaborazione con UNICEF e CAMMINO (Camera Nazionale degli Avvocati per la persona, le relazioni familiari e i minorenni).

Si è trattato del “Il Teatro della Legalità”, una iniziativa nell’ambito delle attività del protocollo d’intesa per la prevenzione ed il contrasto alle devianze giovanili e per lo sviluppo della cultura della legalità, tra le Forze di polizia, l’ufficio Scolastico provinciale, l’UNICEF e gli enti locali, nella quale è andata in scena la rappresentazione di un caso giudiziario di cronaca “Lo scherzo di Hallowen” ed un monologo.

Alla manifestazione erano presenti il prefetto della provincia, Cappetta, il procuratore della Repubblica di Benevento, il presidente della Provincia, il presidente Nazionale dell’Associazione Cammino, il Presidente dell’UNICEF di Benevento, le autorità civili e militare e oltre 100 alunni di diversi Istituti Scolastici cittadini.

Cappetta ha sottolineato come il teatro possa rappresentare uno strumento di educazione alla legalità e di riflessione sui fenomeni del bullismo e cyberbullismo e le altre forme di devianza giovanile che incidono negativamente sull’assetto sociale, condizionando lo sviluppo della personalità dei  giovani e influenzandone negativamente i comportamenti e come il linguaggio teatrale sia una forma di espressione  che può stimolare la partecipazione dei ragazzi favorendo l’approfondimento di questi temi.

Cappetta ha anche sottolineato che il compito delle Istituzioni è quello di impegnarsi sul fronte della prevenzione di questi  fenomeni sempre più dilaganti, come attestano i ripetuti e spesso drammatici, episodi di violenza, prepotenza e prevaricazione denunciati pressoché quotidianamente dalle vittime e, non a caso, riportati con sempre maggiore frequenza dai mezzi di cronaca.

image_pdfimage_print

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.

redazione@ilmonito.it

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it