Arrestato pregiudicato irpino 43enne

Minacciava e maltrattava l’ex coniuge

Personale della Squadra Mobile della Questura di Avellino, ha dato esecuzione all’ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari, nei confronti di un pregiudicato avellinese 43enne. Il provvedimento restrittivo è scaturito a seguito del comportamento oppressivo dell’uomo, il quale,  non aveva accettato che la moglie avesse deciso di terminare il rapporto coniugale, giunto ormai agli sgoccioli, tanto che aveva già avviato la pratica di separazione. Nella circostanza il 43enne aveva posto in essere un vero e proprio atteggiamento persecutorio, fatto di minacce e continue telefonate nelle ore più disparate della giornata, procurando nella donna un grave stato d’ansia e paura, da indurla a modificare completamente le proprie abitudini di vita. Pertanto, anche a seguito delle denunce effettuatele dalla donna nel decorso mese di gennaio, allorquando la stessa, in più occasioni era stata aggredita, insultata e minacciate di morte, il magistrato, sulla base  degli elementi di colpevolezza  raccolti, grazie anche alla recente introduzione del codice rosso, che ha sostanzialmente introdotto nuovi e rapidi interventi in materia di tutela delle vittime di violenza domestica e di genere”, ha deciso di emettere il provvedimento con il quale ha posto l’ex marito agli arresti domiciliari, consentendo così di porre fine alla triste vicenda cui la giovane donna era stata costretta a subire. Un rapido messaggio fornito dalle istituzioni per contrastare il triste fenomeno della violenza contro le donne che quotidianamente subiscono in “silenzio” tra le mura domestiche. A tali, non più sporadiche vicende, le Forze di Polizia ed in particolar modo la Polizia di Stato, rispondono quotidianamente con il massimo impegno, grazie anche a molteplici e semplici iniziative di sensibilizzazione ed informazione come la recentissima campagna antiviolenza, promossa proprio in occasione di San Valentino presso il centro commerciale di Mercogliano.


SOSTIENI ILMONITO.IT

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. redazione@ilmonito.it