Alife, riscuoteva la pensione della madre morta da 13 anni: arrestato

Aveva continuato a ritirare mensilmente la pensione della madre per oltre 300.000 mila euro nonostante fosse morta da 13 anni. É successo in un paesino del Casertano, Alife.
I finanzieri partiti da Roma con destinazione Alife per verificare di persona se quanto emergeva sui loro computer all’esito dell’incrocio delle risultanze delle banche dati a disposizione fosse corretto; risultava in effetti che erano ancora in pagamento ben tre diverse prestazioni previdenziali, per un totale di circa 2.000 euro mensili (una pensione di invalidità, una pensione di reversibilità e un’ulteriore indennità per cecità assoluta), a favore di una donna, classe 1925, che però risultava morta da oltre dieci anni.
Dagli ulteriori accertamenti è poi emerso che a marzo 2007, quindi 5 mesi dopo il suo decesso, la stessa avesse aperto un conto di deposito cointestato con il figlio; nel seguire il flusso di soldi illecitamente erogati dall’Inps, i militari si sono recati presso lo sportello bancario di accredito delle pensioni, accertando che nel carteggio di apertura della posizione bancaria la firma della donna (peraltro da apporre alla presenza di due testimoni, data la sua cecità) non c’era affatto.

 

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
image_pdfimage_print
ILMONITO
  • 3
    Shares
Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo.redazione@ilmonito.it

Translate »