Airc, prevenzione e informazione oncologica: l’Associazione Piccoli passi promuove ad Acerra un convegno con medici, scuola e istituzioni

Acerra, 9 dic. – Nella sala comunale del Castello Baronale di Acerra l’Associazione Piccoli passi e la sua vicepresidente Prof. Pina Tardi, ha promosso lo scorso 5 dicembre il convegno Airc dedicato all’informazione e prevenzione delle malattie tumorali.

L’iniziativa di solidarietà rivolta al mondo della scuola, delle istituzioni rappresentate dal sindaco Raffaele Lettieri e dagli assessori Milena Tanzillo e Milena Petrella, oltre che dell’associazionismo e della medicina, nasce dal desiderio di Pina Tardi di salutare il mondo del lavoro con un appuntamento che non voleva essere una semplice festa di pensionamento, ma un vero passaggio di testimone sulla sensibilità a donare e donarsi per far progredire il futuro attraverso la ricerca.

La poesia di Elli Michler ‘Ti auguro il tempo’, insieme ai versi di Madre Teresa di Calcutta che spronano ad essere una goccia nell’oceano, hanno accompagnato una video proiezione sui lunghi anni trascorsi nel mondo della scuola dalla prof. Pina Tardi insieme ai colleghi del primo circolo didattico ‘Don Antonio Riboldi’ di Acerra.

Rilevante l’intenzione di raccogliere fondi per l’occasione, da destinare alla ricerca sul cancro dopo il percorso di clinica mobile attivato in Piazzale Calipari dall’Asl Napoli 2 Nord, con il programma di screening gratuiti ‘Ci prendiamo cura di te’.

Sulla tematica ‘prevenzione oncologica’ si è costruita l’informazione partendo dal medico di base rappresentato dal dott. Vincenzo Crimaldi, consigliere provinciale FIMMG e membro UCAD. Quest’ultimo ha sottolineato l’arduo lavoro fatto sui territori dai medici di base per sollecitare i pazienti ad aderire al programma Asl attivato dal dott. Pasquale Bove, Direttore Sanitario D.S. 46 Acerra.

I dati riportati sui progressi d’intervento preventivo attuati dall’Asl sono stati confermati dall’oncolo di quarantennale esperienza, dott. Antonio Santoro, ex primario del reparto oncologico all’ospedale San Gennaro di Napoli.

La presenza del ricercatore Airc dott. Mario Capasso, docente dell’Universitá Federico IO di Napoli, nonché genetista ha rivelato i progressi compiuti nella ricerca agendo sul patrimonio genetico dell’uomo che permette di registrare come e dove intervenire sul nostro DNA.

A supportarne i dati è stata anche la rappresentante Airc di Acerra Rosa Sapatiello.

A

Dalle attività dell’Asl, fino al passaggio alla ricerca, il collegamento funzionale è stato dato dalla dottoressa Daniela Barberini, psicologa presso l’Istituto Fondazione Pascale, pioniere nella ricerca oncologica nel mondo.

La dottoressa ha sottolineato come molti pazienti dopo un cancro riescano a rivoluzionare la propria vita, consapevoli che lottare con il tumore non è impossibile, ma oggi grazie al progresso la battaglia viene spesso vinta.

Parole queste, avvalorate da un luminare dell’oncologia, il prof. Michelino De Laurentis, ex alunno della Tardi, oggi Direttore U.O.C. del reparto Oncologia medica del Pascale, noto per la sua ricerca a livello mondiale.

Il professore comunica che tra pochi anni riusciremo a contrastare altri tipi di tumori invasivi, trattando la cronicizzazione degli stessi in modo meno invasivo è più capillare grazie all’immunoterapia.

Pina Tardi è riuscita nel suo intento: dare qualità al suo tempo pensando agli altri non in senso stretto, ma come comunità e società di cui è importante tutelare la salute.

 

 

ILMONITO non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie tra i soci dell’Associazione MADEFARES.  Se vuoi aiutare l’associazione a sostenersi puoi fare una donazione.

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, ILMONITO correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online ed ILMONITO ritiene che l'accuratezza sia ugualmente essenziale; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a redazione@ilmonito.it
Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa
Pina Stendardo

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.